Archivio

Archivio Giugno 2005

A.I

22 Giugno 2005 Commenti chiusi

CPSC 420-200 Artificial Intelligence (Honors)
Instructor: Yoonsuck Choe (
choe@tamu.edu)

http://courses.cs.tamu.edu/choe/04spring/420/

Office: HRBB 322B MWF 10:10?11:10am

TA: Heejin Lim (hjlim@cs.tamu.edu)

All communications out of the class will be through email, and the
announcements on the web page, so regularly check out the web
page.

Class notes will be available on the web 24 hours prior to the
class. It is your responsibility to print it out and bring it to the
class. http://courses.cs.tamu.edu/choe/04spring/420/lectures/
1
Syllabus

http://courses.cs.tamu.edu/choe/04spring/420

See handout (which is just a hardcopy of the web page on day 1).
2
Things You May Need

Students with disability:
Please contact the department office (HRBB 3rd floor) for
assistance.

Computer (UNIX) accounts:
If you don?t have one, get one:

http://www.cs.tamu.edu/department/

policies/accounts
Getting Your Money?s Worth

Utilize your instructor and TA as much as possible.

You have paid for their service.
3
What is Intelligence
Textbook Definitions

Thinking like humans

Acting like humans

Thinking rationally

Acting rationally

However, it depends on the definition: whatever the (intelligence)
test tests.
4
What is AI
Diverse areas: http://www.aaai.org Problem solving Reasoning

Theorem proving

Learning

Planning

Knowledge representation

Perception and Robotics

Agents

and more
5
Approaches
Two basic stances (comparison to flight)

Strong AI:
1. Let?s make a conscious being.
2. Let?s make a flying machine that mimics a bird so that it feels
what a real bird feels when flying.

Weak AI:
1. Let?s make something useful mimicking humans.
2. Let?s make something that can float and navigate in the air.
6
Problems

Strong AI:
Hard to determine if something is really consciously intelligent or
not (the other minds problem in philosophy).

Weak AI:
Utility of the result is limited by the stated goal. Hard to achieve a
general usefulness as in true intelligence.
7
How to do AI
Why doing AI like plane-building will fail:
1. Flight
goal is simple:

float in the air.
2. Intelligence
goal is complex and fuzzy:

intelligence is a collection of many abilities.
There are many ways to meet a single clear goal (flight), but there can
be only a small number of ways to simultaneously meet a huge number
of fuzzy goals (intelligence).
8
Why not the Plane-Model?
Some things may seem impossible: e.g. the fine control of flight in flies. Flapping their wings cannot generate enough lift (for their body
weight), but they do fly!

Jumbo jets cannot explain how the beetles achieve such an
impossible feat.

Recent observations:
Beetles gyrate their wings to generate a vortex to create greater
lift.
Moral: if you fail to build the impossible, study an existing working
example.
9
How Flies Fly
Source:

http://www.nature.com/nsu/010823/010823-10.html

10
AI vs. Other Unsolved Problems
There are other unsolved scientific problems:

Faster than light travel

Teleportation

Antigravity devices
Difference between these and AI: We know the existence of
intelligence, i.e. ourselves, the humans.
11
Then, How to do AI?
Instructor?s perspective:

Importance of studying brain function.

Influence of environmental regularities on brain development and
function.

Interaction of the brain with the environment through action.
We must think about the more fundamental issues from time to time
when research seems to be at a dead-end.
12
Back to Reality
True AI (weak or strong) is far from our reach, and we have a limited
time (one semester). :-)

Study strategies employed by humans in dealing with real-world
problems.

These include all the topics listed earlier.

The background you learn in this course will enable you to
appreciate the problems, and to pursue further interest in AI, and
in human and machine intelligence in general.
13
Overview

Related academic disciplines

History of AI

Hard Problems

Current Trends
14
Foundations of AI

Philosophy

Mathematics

Psychology

Cognitive Science

Linguistics

Neuroscience
15
Philosophy of Mind
The mind-body problem:

Dualism: Mind and body are separate entities.

Monism: Only mind or body exist, but not both
1. Idealism : only mind exists
2. Materialism : only body exists
Epiphenomenalism: mental phenomena are just
side-effects of physical change in the brain. Daemon vs. Evil Scientist : the Matrix
Too many variations to mention all.
16
Mathematics
Algorithm (
al-Khowarazmi)
Boole

Hilbert

G¨ odel: Incompleteness theorem

Turing: Halting problem

Cook and Karp: P, NP, and the like
Representation/Interpretation, Symbol/Computing: the
software metahpore.
17
Psychology

Behaviorism: stimulus-response and conditioning

Functionalism: internal representations and
functional processes.

Perceptual psychology: vision, audition, etc.

Cognitive psychology: information processing.

Holistic vs. localist debate: emergent vs. simple
summation.
18
Linguistics

WW II : machine translation.

Phonetics, syntactic theory, semantics, discourse,
etc.

Innate vs. learned? : Chomsky

Syntax: finite automata, context free grammar, etc.

Semantics: semantic nets

Sub-symbolic: self-organizing maps, episodic
memory, recurrent neural nets, etc.
19
Cognitive Science
Interdisciplinary field studying human perception and
cognition:

Neuroscience

Behavioral science

Social science
Psychology Computational science
Information theory

Cultural studies
20
Neuroscience
Staining
Hubel and Wiesel: orderly structure of cat visual
cortex

PET scans and CAT scans: localizing functional
modules

fMRI imaging: cognitive and perceptual tasks

Optical imaging: orderly structure

TMS: zap and numb your brain
21
Connections
Scientific discoveries came from observing unexpected
connections:

Apple and gravity

Cloud chamber and the discovery of subatomic
particles

Looms with punch-cards and modern computers
22
History of AI (I)
Gestation (1943?1956)

McCulloch and Pitts: early neural nets

Minsky and Papert: limitations of perceptron

Newell and Simon: physical symbol system
hypothesis
- Logic Theorist

Dartmouth Workshop (1956): AI was born.
23
History of AI (II)
Early successes (1952?1969)

General problem solver

McCarthy: LISP

Toy domains: ANALOGY, STUDENT (algebra).
Widrow and Hoff: adalines
Rosenblatt: perceptrons
24
History of AI (III)
The 60?s and 70?s ELIZA

Genetic algorithms

Knowledge-based systems: avoid the weak method,
i.e. search
- scientific domain
- engineering domain
- natural language
The 80?s : 5th generation AI ? Prolog.
25
Hard Problems (I)

Physicalism, materialism, and naturalism: brain causes
mind.

Functionlism: if it functions in the same way, a silicon brain
can also be conscious.

Dualism and homunculus: the Cartesian theatre.

Wide vs. narrow content: real correspondence, or limited
to experiential state?

Intentionality: how can we believe in things that do not
exist, such as Poseidon.
26
Hard Problems (II)

Semantic content and syntactic symbols: how can
syntacic constructs posess intenionality?

Symbol grounding: sensory devices produce grounded
symbols, and composite symbols can be constructed.

Problem of qualia: why do we feel in such a way?

Turing test and Searle?s Chinese Room
- system reply
- robot reply
27
Hard Problems (III)

However, the assumption that a collection of unconscious
things are unconscious is invalid: think about organic vs.
inorganic, life vsinanimate matter.

Searle?s point of view: mind is an emergent phenomena of
the neural substrate (biological naturalism).
28
Current Trends
Learning: instead of hand-coding or strict reasoning.
Neural networks and statistical methods

Genetic algorithms (Evolutionary algorithms)

Embodied robotics (symbol grounding)

Bioinformatics

Computational Neuroscience

Distributed Agents

Some thoughts on consciousness: Crick and Koch
29
Unix Environment
The following slides are FYI: they won?t be covered in the class. If you
have any question about these, please see the instructor or the TA.

Remote access

Shell

Files and Directories

File and Dir Permissions

Customizing the environment

Execution of programs

Getting More Information

Editor: pico
30
Remote Access

Telnet (insecure) vs. SSH (secure)

http://www.freessh.org/

For windows, use PUTTY.EXE
- use the SSH mode.

On-campus:
unix.cs.tamu.edu, interactive.cs.tamu.edu, etc.

Off-campus:
Only unix.cs.tamu.edu (w/o VPN)

Use TAMU vpn to access other unix hosts.
31
Shell

Like DOSPROMPT, but much powerful.

Several variations:
csh, sh, tcsh, bash, zsh, ksh

tcsh, derived from csh is your default.

Finding out your default shell:
$ ps
unix: /> ps
PID TTY TIME CMD
964 pts/12 0:03 tcsh
32
Files and Directories
Same as in MSDOS except:
? longer filenames
? case sensitive

Path delimiter is /, not
/user/choe/filename

Why MSDOS differs?
They use / for command options:
FORMAT /S
The most important directory is your home directory:
/user/youridhere/.
33
File and Directory Cmds

Directory Listing
? ls : short (DIR /W)
? ls -a : list dot files also
? ls -l : long (DIR)
? ls -t : newest file first
? ls -F : mark with dir(/), sym links (i.e. shortcut; @),
executable (*), etc.

Any combination is allowed:
ls -alF

Changing direcotry: cd dirname.
34
Cont?d

Creation and deletion:
mkdir dirname
rmdir dirname

File copy:
cp srcfile destfile
cp srcfile destdir

Moving and renaming:
? mv srcfile destfile : rename file
? mv srcfile destdir : move file to different directory
35
File and Dir Perms
unix:?/> ls -l
total 568
-rw——- 1 choe staff 22016 Oct 1 11:26 AdobeFnt.lst
-rwx—— 1 choe staff 600 Nov 20 17:37 PUTTY.RND*
drwx—— 2 choe staff 4096 Jan 14 22:24 RCS/
-rw——- 1 choe staff 4869 Jan 9 09:34 aaai02
drwx—— 2 choe staff 4096 Jan 13 15:45 acct/
* snip *

r: read, w: write, x: execute (allow cd for dir) permission.
36
Changing File and Dir Perms
chmod [u|g|o][+|-][r|w|x] [file|dir] chmod o-rwx file You can also use octal:
rwxr-xr-x
== 111101101 (binary)
== 755 (octal)

chmod 600 filename
rwx——

chmod 755 dirname
rwxr-xr-x
Directory needs to be readable to do ls, and executable to do cd.
37
Environment Variables

Environment variables:
? used to configure your env.
? setenv gives you the list with their values
? setenv VARNAME=value to define or reset
? Append $ to get the value.
? echo $VARNAME to view value

Shell variables: use set

Home directory (echo $HOME):
? This is where all the action begins.
? Everything below here belongs to you (almost).
Going to home: cd or cd ? or cd $HOME or …
38
Customizing Your Shell
In tcsh:

.login : only executed when you first login.

.cshrc : run everytime you create a sub-shell, i.e. running a
shell within a shell.

Basically a list of shell commands, like the BAT file.
Just add these lines in /.login :
setenv PATH “$HOME/bin:$PATH”
set prompt=”%m:%?/> ”
alias ls “ls -F”
39
Execution of Programs

ls is actually /usr/bin/ls.

Because $PATH contains /usr/bin/, the above file gets
executed.

For local executables (compiled ones, etc.) in the current dir, add
./ to specify the current dir: ./execfilename

This is not a concern because we?ll be using GCL interpreter:
/usr/local/bin/gcl
40
Getting More Info
Use the man command:
man ls
man chmod
man mkdir

Navigating in man pages:
? space (or CTRL-F): pgdown
? CTRL-B: pgup
? /

string

ENTER:
search fwd for

string
? ?

string

ENTER:
search bwd for

string

? / or ? alone: repeat search fwd or bwd
41
Editor: PICO
/usr/local/bin/pico
An easy to use text editor: navigate with arrow keys, and
CTRL-Y(pgup) and CTRL-V(pgdn).
CTRL-X: Exit : answer carefully!.
CTRL-O: Save As
CTRL-R: Read another file into current position
CTRL-K: Cut (you can cut multiple lines)
CTRL-U: Paste (one or more lines cut with CTRL-K)
CTRL-W: Search (Where is …)
No undo(!): I recommend vi or emacs.
Of course you may ftp. :-)
42
Tcsh tips

Command and filename completion: just type a partial string and
press [tab].

Use arrow keys to go backward (like in doskey).
43
Pipes
My output is your input: output of ls goes to grep.
unix:/user/choe

ls -al

grep no
drwx—— 3 choe staff 4096 Oct 10 10:53
.ssh2-no
-rw——- 1 choe staff 123 Jan 14 13:32 noms
drwx—— 2 choe staff 4096 Nov 12 14:41 notes
44
Useful Commands
grep :
pattern matching (
also awk and sed)
grep

pattern

filename

some-other-command
!
grep

pattern

find : find file with a certain pattern
find

start-dir

pattern

-print

wc : line, word, and char count ls -al
!
wc

df : disk partitions and current usage

du : disk usage under a directory
Other: cal:calendar, date:date, uname -a:OS-version, etc.
45
Little Bit of LISP

http://www.cs.tamu.edu/faculty/choe/

courses/04fall/420/lisp-quickref.html

CMUCL: Carnegie Mellon University Common LISP

/usr/local/bin/lisp

At the

prompt, just type the expressions.
unix:?/> lisp
CMU Common Lisp CVS Head 2003-07-01 16:23:01, running on unix
With core: /usr/local/lib/cmucl/lib/lisp.core
Dumped on: Tue, 2003-07-01 16:01:00-05:00 on empic5
See for support information.
Loaded subsystems:
Python 1.1, target UltraSparc/Solaris 7
CLOS based on Gerd?s PCL 2003/06/18 09:23:09
* (+ 10 20)
30
* (quit)
unix:?/> 46
Next Time

Lisp
47

Riferimenti: oseido

Bambino Kamikaze

22 Giugno 2005 1 commento

Bambino Kamikaze

La brezza che dal mare in tempesta del deserto
si scontra col metallo dei proiettili,
s’affaccia sugli infanti cresciuti nel dolore
combattenti in battaglie mutilanti.
Si scorge per un attimo il velo d’una madre
distesa frai granelli arroventati.
Il bimbo che nel grembo porta e vive
s’abitua al mitragliare delle estati.
Questo sei tu, mondo assatanato,
creatore di sfacelo e di conato.
Creatore di fantasmi e di pozioni,
Creatore di zombi e inibizioni.

Oggi fra le dune, si celebr’il massacro programmato
Onore al dio denaro; onore all’olio consacrato.
Oggi fra le dune, echeggiano esplosioni di bambini
lavati nel cervello da incivili.
Così come incivili son coloro
che abbattono edifici con frastuono.
Gli spazi, le visioni, le frontiere
si scontrano sui muri e le barriere.
Le civiltà combattono le religioni
Ci stiamo incamminando su tetri muraglioni.
E a farne spese,infine, son sempre e solo quelli
che poveri son nati, fra guerre, fame e stenti.
Riferimenti: TEATRIKOS

TEATRIKOS

22 Giugno 2005 1 commento

Un testo a cui tengo particolarmente è NAGASAK.
é la trascreizione quasi fedele fatta da un reduce dell’attacco dell’enola.
Vorrei che le sue parole, e che la sua foto di repertorio riecheggiassero durante la mia lettura.
Riferimenti: TEATRIKOS

FILO DIRETTO TEATRIKOS

22 Giugno 2005 Commenti chiusi

Questo spazio è riservato ai commenti e agli inviti da parte di TeatriKos. Sarei onorato anche quest’anno di partecipare a quello che definirei uno “scintillio” nell’ombra oleosa dei nostri tempi.

Ciao Patrizia!!!
Riferimenti: FILO DIRETTO TEATRIKOS

TEATRIKOS

22 Giugno 2005 Commenti chiusi

Anolimia

Arrivato è ormai l?inverno
In questa teca
Stretta di Demoni gettanti l?inferno.
Specchi, decoltè, fan vampare i loro occhi,
E complessi e amarezze
Detonare il loro sangue.
Litri e litri di
Storpie perfezioni;
Modelli
Miti
Ipocrite privazioni.
Questi, i plagiamenti
Han colpa in parte di tutto;
d?inappetenze se non di sogni
sfagliate all?eccesso dai
conati d?un lutto.

TEATRIKOS

22 Giugno 2005 Commenti chiusi

Rabbia soprusa

A tutti quei soppressi
Nei vicoli deserti.
A tutti i molti oppressi
Da labili maneschi.
A tutti i ragazzini
Che gustano la fine.
A tutte quelle fini
Che vogliono bambini.
A tutta questa terra
Che gira e se ne frega.
Fanculo a tutti quelli che
Gustan la tua pena.

TEATRIKOS

22 Giugno 2005 Commenti chiusi

?per vivere tranquilli
occorrono cinque cose:

un bicchiere
di scienza

una bottiglia
di sapienza

un barile
di prudenza

una botte
di coscienza

un mare
di pazienza.

Scritta durante la prima guerra mondiale
Tenuta nascosta per anni,
donatami da mio nonno Francesco, il venticinque dicembre 1998
è stata a lungo la mia guida.

jedi ip school 11 maggio 2005

11 Giugno 2005 1 commento

this is the ip number updated. EnjoYY!!

84.222.239.4:27374
Riferimenti: jedi ip school 11 maggio 2005

10 giugnio 2005 Continuo travaglio 3

10 Giugno 2005 Commenti chiusi

“Mi accuseranno di essere mafioso…”

“Berlusconi temeva che entrando in politica potessero essergli rivolte accuse di contiguità con l’associazione mafiosa [le sue parole esatte Cartotto le riporterà in un'intervista al "Corriere della sera", pubblicata il 12 aprile 1996: "Confalonieri e Letta mi dicono che è una pazzia entrare in politica e che mi distruggeranno. Che mifaranno di tutto, andranno a frugare tutte le carte. E diranno che sono un mafioso. Che cosa devo fare?
A volte mi capita perfino di mettermi a piangere quando sono sotto la doccia ... "].
“Ricordo che lo stesso Dell’Utri aveva avvisato i suoi familiari che qualora dovessero venire fuori notizie sui suoi rapporti con associati mafiosi, non vi dovevano in alcun modo credere.
“Del problema in questione si riparlò nel marzo 1994, successivamente all’attacco giornalistico al Dell’Utri. Ricordo che il Berlusconi mise sotto accusa Dell’Utri, specificando che nei sondaggi Forza Italia stava scendendo proprio per questo problema dei suoi rapporti con la mafia. Ricordo che la reazione di Dell’Utri mi sorprese alquanto in quanto mi disse testualmente: “Silvio non capisce che deve ringraziarmi, perché se dovessi aprire bocca io… “.
“Ricordo, ancora, che nell’estate 1995 Berlusconi mi disse che lui non conosceva assolutamente alcune circostanze che aveva appreso sui giornali sulla storia personale di Dell’Utri e in particolare certe sue conoscenze palermitane e i suoi rapporti con il Rapisarda negli anni ’70. Ricordo che Berlusconi mi disse testualmente:
“Io, Ezio, non ne sapevo niente”.
“In relazione agli interessi edili in Sardegna del Gruppo Berlusconi, ricordo che alla metà degli anni ’80 Paolo Berlusconi si lamentò con me di avere un milione di mq di terreno su cui non aveva avuto la possibilità di costruire. Ciò mi disse facendomi anche capire che era chi aveva venduto queste aree che impediva che le stesse divenissero edificabili. Io, del resto, avendo frequentato a lungo Silvio Berlusconi, ero a conoscenza dei suoi rapporti con Flavio Carboni, e da tutto quanto mi è stato detto sono arrivato alla conclusione che in qualche modo il Carboni si sia interessato (anche presso i suoi amici) per dare una mano al Berlusconi”.
Ed ecco l’ultimo verbale di Cartotto, reso “il giorno 16 luglio 1999, alle ore 16.15, presso gli Uffici della Dia, siti in Roma, innanzi al Pubblico Ministero, in persona della dott.ssa Annamaria Palma e del dott. Luca Guido Tescaroli, Sostituti Procuratore presso il Tribunale di Caltanissetta”. E’ chiamato a testimoniare “con riferimento a dichiarazioni in precedenza già rese, e in particolare nel verbale del 20 giugno 1997 all’A.G. di Palermo”. Qui il verbale procede a domanda (D.) e risposta (R.).
” D. Vuole riferire le circostanze di tempo e di luogo nelle quali vi sarebbe stato il contatto con l’on. Marcello Dell’Utri, nel corso dei mesi di maggio-giugno 1992, durante il quale quest’ultimo aveva manifestato il proponimento di coinvolgerla in un progetto politico diretto a sostituire i referenti politici del gruppo Fininvest, che avevano dimostrato di non essere più funzionali, con altri più idonei a soddisfare le aspettative? Cerchi di meglio puntualizzare l’epoca dell’incontro.
” R. Premetto che gli incontri sono nati da una antica conoscenza che rimonta a molti anni addietro, intorno a metà degli anni ’70. Il dott. Dell’Utri aveva stima di me come persona esperta di faccende politiche. Questa stima derivava dalla mia pregressa esperienza quale esponente della Dc nell’area milanese. Dell’Utri, dopo che divenne responsabile di Publitalia, tra la fine degli anni ’70 e gli inizi degli anni ’80, mi invitava a tenere conferenze ai dirigenti dell’impresa anzidetta, onde consentire loro di venire a conoscenza dell’evoluzione politico-sociale del paese. Effettuavo quasi ogni anno delle conferenze, a far data dal 1981 fino al 1992. A partire da questo momento, dette conferenze sono aumentate a dismisura, intensificandosi in particolar modo dal settembre 1992
[ ... ]. Preciso che le mie fonti reddituali provenivano prevalentemente dall’attività di giornalista pubblicista (ho scritto per diversi giornali L’Italia di Milano, Politica di Firenze, Il Popolo Lombardo, che ho diretto per 7 anni, l’Ascoltone, che ho diretto per 3 anni, Arte Bianca, la rivista dei panificatori, e altri ancora) e dall’attività di marketing. Aggiungo di essere stato dipendente Eni per 7 anni, a partire dal 1971 al 1978. Anche nell’Eni mi occupavo di attività pubblicistica.
“Sottolineo che il provento dell’attività di conferenza svolta per conto di Publitalia rappresentava solo una parte dei redditi di cui potevo disporre. Il 5 aprile 1992, si erano svolte le elezioni politiche che avevano segnato un forte indebolimento della maggioranza parlamentare che si riconosceva nel “pentapartito”.
Si era poi arrivati all’elezione del nuovo capo dello Stato, dopo una travagliata guerra intestina dei partiti della maggioranza, risolta solo dal trauma conseguito all’attentato che portò alla morte del giudice Falcone. Il nuovo presidente della Repubblica on. Scalfaro, a seguito delle inchieste in corso a Milano tra gli altri su Bettino Craxi, non aveva dato a quest’ultimo l’incarico di fare il governo, contrariamente a quello che tutti si aspettavano.
E la presidenza del Consiglio dell’on. Amato si dimostrava debole per tre motivi: le inchieste giudiziarie che colpivano ora questo ora quello degli esponenti dei partiti della maggioranza; la crisi economica che culminerà qualche mese dopo nella clamorosa svalutazione della lira; la fine ingloriosa del famoso decreto Amato con il quale il governo, smentito dal presidente della Repubblica che non voleva firmare, tentava di fermare in qualche modo le indagini su “Tangentopoli”. Per queste ragioni il dott. Dell’Utri mi chiese con preoccupazione di aiutarlo a capire sulla base della mia esperienza i possibili scenari politici in movimento. Il dott. Dell’Utri aveva vissuto in modo molto sofferto tutte le vicende che avevano riguardato la regolamentazione della materia radiotelevisiva in Italia, in quanto la Publitalia con il suo grande fatturato viveva come fornitrice di servizi per le televisioni commerciali del gruppo Fininvest. Solo qualche anno prima cinque ministri della sinistra della DC (tra cui l’on. Martinazzoli) si erano dimessi per protesta contro la regolamentazione radiotelevisiva decisa in sostanza dal cosiddetto Caf (Craxi-Andreotti-Forlani). In questa mutata situazione politica Dell’Utri vedeva gravi rischi di una modifica in negativo per il gruppo Fininvest e della Publitalia di questa regolamentazione. Inoltre, Dell’Utri vedeva profilarsi in questo vuoto di potere sia il rischio di elezioni anticipate che spostassero ancora più a sinistra il governo del paese, sia il rischio di un referendum sulla normativa radiotelevisiva.
“Dell’Utri voleva perciò una analisi fatta da me per parare con delle iniziative i pericoli di questa situazione. Poiché mi viene richiesto, preciso che la Fininvest manteneva un rapporti privilegiato con l’on. Craxi, pur avendo cura di mantenere buoni legami anche con l’on. Forlani, segretario della Dc, e con il senatore Andreotti, che rappresentava il principale sostegno per Forlani. Com’è notorio, con l’on. Craxi sussisteva un rapporto Personale di amicizia molto stretto con il presidente Silvio Berlusconi, che risaliva agli anni 1973-74-75. In particolare, ricordo che fu Silvano Larini a presentare Berlusconi all’on. Craxi. Da allora i rapporti si sono intensificati, tanto che l’on. Craxi è stato testimone in seconde nozze dell’on. Berlusconi.
” D. Vuole riferire in cosa sia consistita l’attività di appoggio del Caf, ed in particolare dell’on. Craxi, in favore del presidente Berlusconi e del suo gruppo?
” R. Al riguardo, mi risulta che l’appoggio si sia concretizzato con specifico riferimento all’attività legislativa nel campo delle telecomunicazioni. Mi spiego meglio. In un primo momento, vi fu un’attività tesa a neutralizzare le iniziative legislative dirette a fornire una regolamentazione del settore e ciò dal 1978-1979, epoca in cui il presidente Berlusconi iniziò a espandersi su questo fronte della televisione commerciale, e sino agli anni 1982-1983.
” D. Vuole spiegare come è venuto a conoscenza di questa attività svolta principalmente dall’on. Craxi in favore del presidente Berlusconi e del suo gruppo?
” R. Per poter rispondere debbo richiamare l’iniziativa che detto imprenditore aveva assunto a partire dal ’78-79 di effettuare una interconnessione dei vari programmi che gli aveva consentito, sul crinale della legalità, di poter disporre di televisioni private a diffusione nazionale. Intervenne l’opera di alcuni pretori che avevano considerato questa attività illegale. Fu allora che l’on. Craxi, Presidente del Consiglio pro tempore, aveva emanato un decreto legge con la quale veniva legalizzata l’attività di interconnessione dei programmi, in attesa dell’intervento di una normativa legislativa specifica. Seguì una crisi nel gruppo Fininvest proprio a causa dei provvedimenti dei pretori, ditalché decisero di cacciare il dott. Vittorio Moccagatta, in quanto, sebbene fosse il responsabile delle relazioni esterne, non aveva saputo arginare adeguatamente le iniziative dei magistrati. Questi venne sostituito dal dott. Fedele Confalonieri, a cui venne affidato il compito di gestire i contatti con il mondo politico.
“Egli in prima battuta si rivolse a me per poter fruire del mio supporto onde essere agevolato nella ricerca dei contatti con appartenenti al mondo politico romano.
Ero consapevole che si trattava di una attività temporanea, ma accettai ugualmente l’incarico in vista della remunerazione. Dopo circa un anno venni rimpiazzato da Gianni Letta [ ... ].
” D. Ci vuole spiegare qual è stata l’evoluzione, sulla base delle sue conoscenze, della vicenda, su cui si è già soffermato nel corso del presente verbale, relativa alla autorizzazione a servirsi dell’interconnessione dei programmi?
” R. Al riguardo, pongo in rilievo che il Governo reiterò il decreto che aveva ripristinato la possibilità di interconnettere. Si arrivò così alla adozione della legge Mammì” nel 1990, che fu preceduta da roventi polemiche e dalle dimissioni di ben 5 ministri della sinistra Dc. Ricordo che l’on. Berlusconi si mostrò intransigente, nel senso che non mostrò alcuna disponibilità a rinunciare alla parità di reti con il settore pubblico. Rammento, in particolare, di avergli sentito dire che la riduzione da tre a due reti per il suo gruppo avrebbe implicato una perdita di competitività non sopportabile, in quanto si venivano a ridurre le entrate a fronte dell’aumento dei costi. Formulò questa valutazione imprenditoriale, se mal non ricordo, un anno prima del varo della Mammì, durante una riunione tenutasi in via Rovani, ove sussiste la sede della Presidenza della Fininvest a Milano.
” D. Vuole spiegare meglio quanto ha già detto con riferimento al suo coinvolgimento nel progetto politico da parte di Marcello Dell’Utri? Dalla lettura del brano in questione si evince che il Dell’Utri aveva una sua idea o Meglio ancora un suo progetto che caldeggiava. Perciò, vuole spiegare se il Dell’Utri le avesse indicato determinati obiettivi da raggiungere, o se comunque le avesse tracciato delle direttrici su cui muoversi?
” R. [ ... ] Il dottor Dell’Utri mi prospettò la necessità di individuare nuovi referenti per il gruppo Fininvest in quanto quelli tradizionali non rappresentavano una capacità adeguata alle esigenze. Tra l’incarico che ricevetti di disegnare possibili scenari idonei a raggiungere l’obiettivo divisato trascorse poco tempo. Ricordo che gli prospettai la possibilità di trovare intese con i partiti della sinistra. Questa ipotesi la scartò, in quanto tali forze politiche avevano un rapporto privilegiato con i gruppi imprenditoriali concorrenti riconducibili a “Repubblica” e all’”Espresso”, che non avrebbe mai consentito di raggiungere lo scopo. Gli sottoposi l’ulteriore possibilità di coinvolgere o comunque di dar vita ad un legame con la Lega Nord, partito emergente in continua crescita. Dell’Utri si manifestò più possibilista innanzi a questa via, anche se in definitiva ritenne di scartarla, perché si trattava di uomini nuovi che non presentavano adeguata affidabilità. Mostrò, invece, maggiore interesse per la terza ipotesi che gli suggerii, vale a dire il cambiamento all’interno dei partiti tradizionali. Pensavo alla scissione del partito della Dc, come si era ventilato da alcuni settori del medesimo partito, con la creazione di una Dc del Nord da contrapporsi a quella del Sud. Il dottor Dell’Utri, nell’aderire a questa proposta, disse che si rendeva necessario creare un aggregato di quel partito anche al Sud. Tuttavia, in concreto l’idea non sembrava percorribile, perché il potere non poteva essere ceduto da coloro che lo detenevano. Conclusivamente, mostrò di voler privilegiare la quarta via che gli avevo prospettato, vale a dire quella della creazione di un gruppo contenitore. Preciso che tutti questi discorsi che ho riassunto si sono sviluppati nell’arco di un paio di mesi, durante gli incontri che avevamo al Palace Hotel di Milano. Ricordo di aver predisposto degli appunti nei quali avevo esposto le linee delle proposte di cui ho detto.
“Con certezza posso dire che Dell’Utri decise di dar corso all’iniziativa “contenitore nel giugno 1992. Il dottor Dell’Utri decise di affidarmi il compito di dar vita a un “processo” accelerato di formazione e di trasformazione dei quadri dirigenti del gruppo Fininvest in dirigenti politici, a far data dalla ripresa del lavoro dopo la sospensione feriale estiva. Preciso di essere stato invitato a metà settembre 1992 a Montecarlo, assieme agli ospiti istituzionali del gruppo, alla tradizionale convention annuale. Fui invitato a partecipare, per “sentire il polso” ai vari dirigenti del gruppo che vi partecipavano.
Nel corso della stessa vi fu un discorso del Presidente Berlusconi con cui aveva manifestato forte ottimismo per il futuro imprenditoriale del gruppo. Rammento che questi, nel corso del suo intervento, si era abbandonato a una “parentesi politica”, ponendo in rilievo che i nemici erano divenuti più forti, mentre gli amici si erano indeboliti, e che ci si doveva, pertanto, preoccupare.
” D. Vuole spiegare se, prima del settembre 1992, L’on. Berlusconifosse al corrente del disegno politico del Dell’utri?
” R. Non posso fornire indicazioni precise al riguardo. Non credo, però, che il Dell’Utri agisse all’insaputa del Berlusconi, posto che i due avevano contatti quotidiani.
” D. Quando venne messo l’on. Craxi al corrente del disegno politico?
” R. Per quel che mi risulta, Craxi era stato messo al corrente nel corso della prima domenica di aprile del 1993, durante una riunione tenutasi alle ore 18.00, alla villa di Arcore, alla quale partecipai. Oltre a noi tre, non vi era nessuna persona presente.
” D. Vuole riferire quali rapporti ha avuto con gli on. Berlusconi e Dell’Utri e se nel tempo questi rapporti abbiano subito delle variazioni?
” R. I rapporti con l’on. Berlusconi sono stati di grande amicizia. Ancora oggi posso considerarlo un buon amico. L’on. Berlusconi, in verità, mi ha rimproverato per le mie recenti dichiarazioni, in quanto, a suo dire, avrei violato una intimità relazionale relativa a fatti e confidenze che dovevano rimanere all’interno di Publitalia. Rappresento di essere stato sentito nell’ambito del dibattimento nei confronti dell’on. Dell’Utri, nel corso di un udienza del maggio 1998. In quella sede, i difensori del Dell’Utri mi hanno contestato alcuni episodi idonei, a loro dire, a dimostrare malanimo o acredine da parte mia verso il Dell’Utri.
Mi riporto alle risposte e ai chiarimenti forniti in quella sede. Preciso che il testo a cui ho fatto riferimento dal titolo
“Un clandestino a bordo” (che racconta la storia di Forza Italia), non è stato ancora pubblicato da parte della Mondadori alla quale lo avevo proposto.
” D. Perché ha deciso di abbandonare Publitalia?
” R. Uscii da Publitalia per volontà formalmente di Dell’Utri, ma sostanzialmente di Berlusconi. Una volta compiuta la trasformazione dei quadri dirigenziali del gruppo in esponenti politici titolari di incarichi e cariche istituzionali, il mio apporto si sarebbe dovuto concretizzare con una collaborazione non più interna alla struttura imprenditoriale, bensì con un rapporto di consulenza con la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Io accettai l’incarico, che non si concretizzò a causa della caduta del Governo.
” D. Vifurono mai motivi difrizione tra lei e gli on. Berlusconi e Dell’Utri?
” R. Con Dell’Utri, che all’interno dei più stretti collaboratori di Berlusconi mi vedeva con una certa simpatia, non c’è mai stato un rapporto di amicizia. E a seguito del comportamento tenuto nei miei confronti nel periodo precedente e seguente alle elezioni del 1994, questi rapporti con Dell’Utri si sono congelati per poi scomparire nel nulla dopo le elezioni del 1996, perché Dell’Utri si è ritenuto colpito da mie prese di posizioni pubbliche riguardanti la nascita di Forza Italia, e io di contro ritenevo che vi fosse dell’ingratitudine nei miei confronti da parte sua. Le mie prese di posizioni pubbliche nascono da un forte malumore personale legato alla mia esclusione dalle liste parlamentari presentate per le elezioni politiche del 1996, esclusione non motivata e non comunicata, sebbene lo stesso Berlusconi personalmente mi avesse dato assicurazioni in tal senso. Ciò provocò in me un forte risentimento che mi portò a determinarmi a scrivere un libro su quella che era stata la mia esperienza e il mio contributo alla creazione di Forza Italia. Io ritengo più responsabile della mia esclusione l’on. Berlusconi, in quanto egli è il padrone del partito. Tuttavia tengo a precisare che, nonostante quello che ritengo un torto patito, non nutro – e posso dirlo con assoluta serenità – alcun motivo di rancore nei confronti degli on. Dell’Utri e Berlusconi. Evidenzio al riguardo che tuttora continuo a mantenere contatti telefonici con quest’ultimo.
” D. Lei ha fatto riferimento a più riprese al progetto politico caldeggiato dall’on. Dell’Utri: sa dire se tale prospettiva sia stata in qualche modo accostata alle stragi di Capaci del 23 maggio 1992 e di via D’Amelio del 19 luglio 1992, tenuto conto che la decisione di dar vita al cosiddetto “partito calderone” è stata assunta nel giugno 1992, poco dopo la prima strage e circa un mese prima della seconda?
” R. Dell’Utri mostrò preoccupazione per queste stragi ed effettivamente collegò il suo progetto politico alle stesse. Il suo timore, che poi era quello dell’on. Berlusconi, consisteva nel fatto che tali fatti delittuosi avrebbero consegnato il paese nelle mani della sinistra, posto che i partiti al governo non avevano saputo dimostrare una capacità di tutelare l’ordine pubblico e i funzionari esposti nella lotta alla criminalità organizzata.
Vi fu quindi, una accelerazione sulla tempistica di attuazione del progetto politico per arginare la situazione e cercare di conquistare il potere politico … “.
——————————————————————-

II. I Cinquecento miliardi in cerca d’autore.
——————————————————————-

1. PREMESSA.
Storia di due perizie scomode.

L’esperimento è alla portata di tutti. Alla fine di una vacanza, al momento di pagare il conto, prelevate una decina di milioni in contanti dal vostro conto corrente, presentatevi alla reception dell’albergo e squadernate davanti all’impiegato la vostra valigetta imbottita di banconote di piccolo taglio. Così, tanto per vedere l’effetto che fa. Probabilmente l’impiegato manderà a chiamare il direttore, il quale – come minimo – vi squadrerà dalla testa ai piedi con sguardo sospettoso, poi magari si apparterà un istante nel retro per fare una telefonata in questura. ‘Così, tanto per controllare di non trovarsi di fronte un riciclatore di denaro sporco.
Ora immaginate che cosa vi accadrebbe se vi presentaste, allo sportello di una banca per depositare non 10 milioni, ma 44 miliardi in contanti. Per trasportarli tutti insieme, ovviamente, vi occorrerebbe perlomeno un tir, più qualche facchino per scaricarli. Ebbene: più o meno la stessa cosa accadde il 6 aprile 1977, quando il dottor Silvio Berlusconi, palazzinaro milanese di belle speranze, versò o fece versare in contanti 8 miliardi di lire dell’epoca (corrispondenti, appunto, a 44 di oggi) per aumentare il capitale sociale della sua Fininvest Srl (che passò così da 2,5 a 10,5 miliardi). A tutt’oggi, nessuno sa da dove arrivasse tutto quel denaro frusciante. Lo scrive una fonte insospettabile: il dottor Francesco Giuffrida, funzionario della Banca d’Italia, nella sua veste di consulente tecnico della Direzione distrettuale
antimafia della Procura di Palermo per il “procedimento 6031/94 Dda”: quello a carico di Marcello Dell’Utri, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa. Il funzionario – designato e “imprestato” dalla Banca d’Italia alla Procura di Palermo – ha depositato dopo un anno di lavoro la “Prima nota informativa sui flussi finanziari delle società denominate Holding italiana 1-22″ che fanno capo al gruppo Berlusconi, nel tentativo di ricostruire la provenienza e gli itinerari dei continui e in gran parte misteriosi finanziamenti che hanno alimentato le innumerevoli scatole cinesi di cui si comPone il multiforme impero Fininvest.
In ballo ci sono almeno 115 miliardi degli anni ’80, pari a 500 di oggi, in cerca d’autore. Come risulta anche dalla seconda consulenza, complementare, acquisita sul tema dalla Procura: quella stilata dal maresciallo capo Giuseppe Ciuro, della Dia di Palermo (che pubblichiamo subito dopo il “rapporto Bankitalia”).
“Al momento non si conosce la provenienza della somma”, scrive il consulente a proposito di quegli 8 miliardi di 22 anni fa.
E probabilmente non la si conoscerà mai, visto che il cavalier Berlusconi è piuttosto avaro di particolari, a proposito della genesi del suo impero. Avaro almeno quanto le attenzioni dei giornali, per questo eccezionale documento depositato dai pm alla cancelleria del Tribunale di Palermo il 21 aprile 2000 e svelato in luglio dal settimanale “L’Espresso”. Poche righe sui quotidiani (e quasi sempre per minimizzare: persino “il manifesto” ha osservato, chissà perché, che simili denunce hanno ormai una “presa scarsa o addirittura controproducente sull’elettorato”, e addirittura, chissà perché, ha manifestato “dubbi sulla loro fondatezza”). Nemmeno una parola nei telegiornali. E pochi accenni infastiditi dai politici, se si pensa che financo Walter Veltroni si è solennemente impegnato, chissà perché, a “non usare in nessun modo il dossier dell’”Espresso” [sic]“. Silenzio anche dagli editorialisti e commentatori sedicenti “liberali”, del tutto indifferenti dinanzi alle rivelazioni su un ex presidente del Consiglio che non ha mai spiegato – per dirla col linguaggio spiccio ma efficace di Antonio Di Pietro – “dove ha preso i soldi”.
Perché, delle due, l’una: o quei capitali hanno origini lecite, e allora il Cavaliere non deve esitare nemmeno un istante a fornire ogni spiegazione e documentazione, illuminando i buchi neri che costellano il suo passato; oppure in quel tourbillon di versamenti – ora in contanti, ora in assegni circolari, quasi tutti di provenienza ignota – c’è qualcosa di inconfessabile, e allora ben si capisce quel silenzio che dura ormai da almeno trent’anni.
E colpisce l’insensibilità di chi si proclama “liberale” di fronte a un magnate che fa a pezzi il primo caposaldo della democrazia: la trasparenza.
In Italia ciascun parlamentare è tenuto a esibire pubblicamente ogni anno la sua dichiarazione dei redditi, così che i suoi elettori possano sapere quanto guadagna, come e da chi lo guadagna, e quante tasse paga. La stessa legge sul finanziamento pubblico dei partiti impone a ciascun partito e candidato di rendere conto dei contributi ricevuti per la sua attività politica: tutti devono sapere chi finanzia un politico, e farsi un’idea del perché. Ora, queste norme diventano semplicemente grottesche, di fronte ai misteri che tutt’oggi avvolgono la nascita, la crescita e l’esplosione della Fininvest (e, indirettamente, della sua ultima filiazione: Mediaset). In un paese non diciamo normale, ma perlomeno decente, nessuna intervista, nessun comizio, nessun convegno, nessun dibattito parlamentare che abbia per oggetto o per protagonista il Cavaliere dovrebbe prescindere da una domanda, la domanda delle domande: “Cavalier Berlusconi, dove ha preso i soldi? Chi glieli ha dati? E perché?”.
All’estero, infatti, le notizie sul dossier Bankitalia hanno destato molto più scalpore che in Italia. Ha scritto, ad esempio, l’autorevole “Le Monde”: “Silvio Berlusconi è l’uomo più ricco d’Italia, il capo dell’opposizione, il proprietario di un impero di giornali e di tre canali televisivi, e aspira a diventare il prossimo presidente del Consiglio. Ma ora si riapre la questione su come questo figlio di un modesto impiegato di banca abbia potuto costruire un tale impero, e con quale denaro”.
In Italia, invece, l’unico (modestissimo) dibattito ha riguardato non il nocciolo della questione – chi gli ha dato i soldi e perché -, bensì il ruolo giocato da Bankitalia nella consulenza del dottor Giuffrida.
Già, perché appena “L’Espresso” dà notizia del rapporto Giuffrida, depositato al processo di Palermo e dunque pubblico e pubblicabile, la Fininvest e “Il Giornale” berlusconiano scatenano il putiferio. E, con toni intimidatori, “invitano” la Banca d’Italia a dissociarsi dalla consulenza prestata dal proprio funzionario. Il 27 luglio 2000 “L’Espresso” anticipa alle agenzie il contenuto dell’articolo. Il 28 tutti i giornali ne danno notizia (insieme alle vaghe quanto grottesche minacce della Fininvest di “querelare “L’Espresso”": per aver pubblicato un documento ufficiale e pubblico!). Tutti, a eccezione del “Giornale”, che il giorno 29 se ne esce con un articolo dal titolo “Fazio smentisce il dossier dell`Espresso” contro Berlusconi”. In coda all’articolo si minaccia apertamente il dottor Giuffrida, “reo” di aver collaborato con la Procura di Palermo su indicazione dei suoi superiori: “Come [il rapporto] sia finito nelle mani dei giornalisti dell’”Espresso”, naturalmente non si sa. Tuttavia è lecito dubitare che la fonte sia il funzionario della banca centrale “prestato” ai magistrati, visto che tale comportamento verrebbe sanzionato con il licenziamento in tronco, fatte salve ulteriori, probabilmente spiacevoli, conseguenze”. E che potrebbero fargli, al povero Giuffrida, oltre a licenziarlo? Sparargli una pistolettata? Il solerte articolista del “Giornale” non è neppure sfiorato dal dubbio che il rapporto sia depositato agli atti del processo palermitano contro Dell’Utri,’e quindi pubblico e accessibile a chiunque voglia consultarlo.
Il pomeriggio del 28, intanto, la Banca d’Italia ha diramato un comunicato che è un capolavoro di tartufismo: “In relazione alle notizie riportate da un settimanale in edicola oggi e riprese da alcuni quotidiani, relativamente a verifiche che sarebbero state svolte dalla Banca d’Italia, mediante suoi funzionari, sui conti della Fininvest, si precisa che l’unico riferimento possibile potrebbe riguardare la consulenza tecnico-professionale, svolta nel quadro di una doverosa collaborazione con l’autorità giudiziaria, richiesta dalla Procura di Palermo [ ... ]. La Banca d’Italia, nel più rigoroso rispetto della legge, non è a conoscenza né degli argomenti della perizia, né della materia oggetto di indagine, né infine degli eventuali risultati. La Banca d’Italia è estranea alle vicende riportate negli articoli richiamati”. “L’Espresso”, naturalmente, conferma quanto aveva scritto: e cioè che il funzionario di Bankitalia ha svolto la consulenza in quanto designato espressamente dal suo istituto.
A quel punto, non contenti degli equilibrismi contenuti nel primo comunicato, i vertici Fininvest – a cominciare dal presidente Aldo Bonomo – tempestano via Nazionale finché riescono a ottenere dal direttore generale Vincenzo Desario una nuova dichiarazione, datata 4 agosto: “La Banca d’Italia, nel caso del cosiddetto Dossier L’Espresso, come in tutte le consimili circostanze, non è a conoscenza dell’oggetto della perizia che il consulente, in ipotesi dipendente dell’istituto [sic], abbia effettuato per conto dell’autorità giudiziaria, né della materia dell’indagine, né infine degli eventuali risultati. La Banca è rimasta rigorosamente estranea [ ... ]. Una consulenza tecnica e tutti i relativi atti non sono mai riferibili alla Banca d’Italia”. Segue un nuovo articolo del “Giornale” (“L’Espresso smentito due volte”), con altre minacce a Giuffrida: “Il fatto che, nel siglare il dossier, [Giuffrida] si fregi del titolo “Funzionario Banca d’Italia” [ ...] è questione che prossimamente dovrà regolare con i suoi superiori”. Così impara a collaborare nientemeno che con la magistratura.
L’operazione-disinformativa è talmente smaccata che persino un uomo prudente come il nuovo procuratore capo di Palermo Piero Grasso prende carta e penna e scrive stizzito a Desario, per mettere i puntini sugli “i”, ma anche per sapere se è vero che la Fininvest ha “chiesto chiarimenti” alla Bankitalia. “In relazione alle notizie – scrive Grasso a Desario – pubblicate nell’articolo
del quotidiano “Il Giornale” del 5 agosto 2000 dal titolo “L’Espresso smentito due volte” [ ... ] e a prescindere dall’eventuale fondamento delle notizie stesse, questo ufficio ritiene opportuno precisare – nello spirito di collaborazione che ha sempre contraddistinto i rapporti con codesto Istituto – che la consulenza conferita in data 5 dicembre 1997 al dottor Francesco Giuffrida, funzionario di codesta amministrazione, è stata assegnata su designazione del Direttore della Banca d’Italia, sede di Palermo, dott. Gargiulo. Nessun altro intervento vi è stato in codesto Istituto nell’ambito del detto procedimento, né il dott. Giuffrida ha citato nella consulenza altro che la sua qualifica di funzionario della Banca d’Italia, qualifica del resto sulla base della quale il medesimo è stato nominato consulente da questo Ufficio, e codesta amministrazione lo aveva autorizzato ad accettare la nomina. Ciò detto, si prega voler comunicare a questo Ufficio se risponde al vero quanto riportato nell’articolo del quotidiano sopra citato, in ordine a una presunta richiesta di chiarimenti avanzata a codesto Istituto dal presidente della società Fininvest. In caso affermativo si prega di voler trasmettere copia della richiesta di chiarimenti del Presidente della Fininvest per quanto di eventuale competenza di questo Ufficio”.
Grasso allega, per rinfrescare la memoria agli smemorati di, via Nazionale, il carteggio che originò la consulenza Giuffrida. E cioè la lettera datata 19 dicembre 1997, in cui il pm Domenico Gozzo chiedeva al direttore della Banca d’Italia, sede di Palermo,
“di voler designare un funzionario della Banca d’Italia che possa essere nominato consulente tecnico da questa Procura”. Dopodiché gli illustrava per filo e per segno l’oggetto della consulenza, “in relazione al procedimento [ ... ] nei confronti di Dell’Utri
[ ... ] procedimento di elevata complessità [ ... ] al fine di poter accertare le connesse operazioni finanziarie poste in essere tramite istituti di credito [ ... ]. L’incarico non potrà essere contenuto in un periodo inferiore a un anno”. E direttore della sede di Palermo ” L. Gargiulo” rispondeva prontamente il 9 gennaio 1998: “Si segnala a codesta Procura, per il conferimento del cennato incarico di consulenza tecnica, il dottor Francesco Paolo Giuffrida, Funzionario di I’ addetto a questa Sede”. E mostrava di essere perfettamente al corrente di tutto: procedimento penale, oggetto della consulenza, possibile durata, tutto. Altro che Bankitalia “estranea”.
Alle cortesi ma ferme contestazioni del procuratore Grasso, Desario risponde riassumendo il contenuto dei comunicati precedenti.
Poi ingrana la retromarcia: “In sostanza, senza affatto denegare che il funzionario interessato è stato designato dall’Istituto su richiesta della Procura di Palermo [nei comunicati, si metteva addirittura in dubbio che Giuffrida lavorasse per Bankitalia], come Ella giustamente sottolinea, si è voluto evitare un grave equivoco sul ruolo della Banca suscettibile di rappresentare in maniera distorta i suoi compiti [ ... ]. Alla richiesta successiva avanzata dal Presidente della Fininvest il 2 agosto (con fax) si è dato riscontro con nota del seguente giorno 4, con la quale ci si è limitati a rendere le medesime puntualizzazioni. Mi astengo dal commentare altre valutazioni comparse sulla stampa e, in particolare, nella citata edizione del Giornale”. La lettera di Desario..si conclude confermando “la costante disponibilità dell’Istituto alla più ampia collaborazione con l’Autorità giudiziaria”. E la lettera di Bonomo viene acquisita dalla Procura di Palermo “per quanto di eventuale competenza”. Una nuova indagine sulla Fininvest? Possibile.
Ecco, in sintesi, il rapporto. Capitolo per capitolo.
——————————————————————-

Riferimenti: 10 giugnio 2005 Continuo travaglio 3

10 giugnio 2005 Continuo travaglio

10 Giugno 2005 Commenti chiusi

2. POST SCRIPTUM
Palermo, Arcore, Italia

Due giorni dopo questa intervista di Paolo Borsellino, il 23 maggio 1992, il giudice Giovanni Falcone – distaccato presso il ministero della Giustizia e candidato numero uno per diventare il primo Procuratore nazionale antimafia – salta in aria insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della scorta sull’autostrada Punta Raisi-Palermo in località Capaci. Meno di due mesi dopo, il 19 luglio, salta in aria (con 5 uomini della scorta) anche Paolo Borsellino, da poche settimane tornato a Palermo (dopo la parentesi di capo della Procura di Marsala): anche lui è candidato alla Procura antimafia, ed è l’ultima “memoria storica” del glorioso pool antimafia di Palermo, nonché l’uomo di punta di quella Procura palermitana che, come ha rivelato lui stesso nell’intervista, sta indagando sui legami fra esponenti mafiosi e il duo Berlusconi-Dell’Utri.
Più che naturale che i magistrati di Caltanissetta, che da nove anni indagano sulle stragi di Capaci e via D’Amelio, appena scoperta l’esistenza di quell’intervista, l’abbiano subito acquisita agli atti. Ritenendola utilissima per iniziare la ricerca dei “mandanti a volto coperto” delle stragi. Così ha fatto Luca Tescaroli, che indagava (prima della sua partenza poco spontanea da Caltanissetta) sui registi occulti di Capaci. E così han fatto Anna Palma e Antonino Di Matteo, che investigavano (Prima del loro trasferimento a Palermo) su quelli di via D’Amelio.
Di che cosa si stava occupando Borsellino negli ultimi mesi della sua vita, nella sua nuova veste di procuratore aggiunto a Palermo? Rispondere a questa domanda significa, probabilmente, scoprire il movente vero del suo assassinio. Un assassinio che, a differenza di quello di Falcone, non trova alcuna spiegazione logica nemmeno nell’ottica mafiosa. Infatti, fino alla vigilia, non rientrava nei piani a breve e medio termine di Cosa nostra, che – come hanno riferito diversi collaboratori di giustizia – stava preparando attentati contro ben altri obiettivi (ad esempio l’on. Calogero Mannino). Che cosa li indusse a ripiegare precipitosamente su Borsellino?
Palma e Di Matteo, nella loro requisitoria al processo per la strage Borsellino, hanno così ricostruito il contesto di quella drammatica intervista, davanti alla terza sezione della Corte d’assise nissena, nell’udienza del 29 settembre 1999: “Abbiamo accertato che l’impegno dopo la strage di Capaci del dottor Borsellino, che pure da sempre era abituato a lavorare dalla mattina alla sera, divenne assolutamente frenetico, spasmodico, quasi parossistico. Borsellino iniziò a girare come una trottola impazzita, a interrogare pentiti, a rispolverare vecchi rapporti e indagini che Giovanni Falcone aveva seguito con grande interesse. Borsellino rivisitò vecchi rapporti riguardanti la attività e i collegamenti milanesi delle famiglie palermitane. Borsellino rilasciò anche interviste su questi argomenti, prendendo spunto dalle vicende giudiziarie di Vittorio Mangano e di uomini d’onore della famiglia di Santa Maria di Gesù. In una intervista prodotta agli atti, che rilasciò alla televisione francese il 21 maggio del ’92, quindi ancor prima della strage di Capaci, asserì – andate a rileggere il testo letterale di quella intervista, anche questa è un po’ stupefacente – l’esistenza di indagini che risalivano da Vittorio Mangano e da uomini d’onore della famiglia di Santa Maria di Gesù fino a Dell’Utri e ai canali di riciclaggio del denaro sporco … “.
Ancor più inquietanti gli scenari tracciati da Tescaroli nella requisitoria pronunciata nel 1999 dinanzi alla Corte di assise d’appello di Caltanissetta, nel secondo processo ai killer di via D’Amelio (per chi la volesse leggere integralmente: Perché fu ucciso Giovanni Falcone di Luca Tescaroli, Soveria Mannelli, Rubettino, 2000) Scenari che contemplano quei tre nomi, pronunciati nella fatidica intervista da Borsellino: Silvio Berlusconi, Marcello Dell’Utri, Vittorio Mangano.
“Non v’è dubbio – dice Tescaroli – che l’agire criminale di Cosa nostra potrebbe apparire prima facie dissennato, se valutato sìc et simpliciter nel suo divenire fenomenico, alla stregua della prevedibile controffensiva dello Stato. In realtà lo stesso appare, di contro, sulla scorta delle acquisizioni probatorie, consono al disegno criminale e sincrono ai tempi di evoluzione di attività relazionali esterne intraprese dai vertici dell’organizzazione.
“La linea di attacco ordita dal 1991 non mirava a produrre una rottura fine a se stessa, ma a una cesura protesa alla creazione di nuovi equilibri e alleanze con nuovi referenti politico-istituzionali-fìnanziari: una frattura costruttiva oggettivamente agevolata dal fiorire, all’inizio degli anni ’90, di una serie di iniziative politiche, riconducibili in gran parte alla massoneria deviata o all’estremismo politico di destra, e caratterizzate, tra l’altro, dal sorgere di piccoli movimenti con vocazione separatista in più punti del territorio nazionale: le Leghe Italiane Pugliese, Meridionale-Centro-Sud-Isole, Molisana, Marchigiana, degli Italiani, Sarda, La Lega delle leghe, quella Nazional Popolare, Sud della Calabria, Toscana, Laziale, Sicilia Libera (che veniva fondata il 28 ottobre 1993, a Catania, da Antonino Strano, poi divenuto assessore regionale di An per il Turismo e lo Sport, nonché dall’avv. Giuseppe Lipera e da Gaspare Di Paola, dirigente del gruppo imprenditoriale riconducibile ai fratelli Costanzo), Sicilia Libera nell’Italia Libera ed Europea (che veniva fondata in data 8 ottobre 1993, a Palermo, presso lo studio del notaio Salvatore Li Puma, residente in Corleone, da Tullio Cannella, da Vincenzo Edoardo La Bua, e da altri, e che avrebbe dovuto avere come referente, nella Provincia di Trapani, Gioacchino Sciacca), ecc.
“Leonardo Messina ha riferito che i vari rappresentanti Provinciali di Cosa nostra si erano riuniti, nell’Ennese, nel settembre-ottobre del 1991, per “gettare le basi per un nuovo progetto politico” di stampo separatista: creare una nuova formazione. la Lega del Sud, appoggiata da un un’ala della Massoneria e da Cosa nostra, nel cui ambito dovevano entrare uomini dell’organizzazione, in contrapposizione alla Lega Nord, costituente, a suo dire, espressione della P2 di Licio Gelli e di Giulio Andreotti [ ... ].
“A riprova del fatto di come i vertici dell’organizzazione fossero impegnati, correlativamente e nel mentre dell’esecuzione di un vero e proprio disegno cospirativo, alla ricerca e al consolidamento di più legami per giungere a individuare nuovi referenti politico-istituzionali, sorreggono le indicazioni” di diversi collaboratori di giustizia, fra i quali Angelo Siino, Salvatore Cancemi, Giovanni Brusca e Maurizio Avola.
“Siino evidenziava di aver appreso da Nino Gargano e da Giuseppe Madonia che Bernardo Provenzano stava adoperandosi per “agganciare Craxi tramite Berlusconi”. Ha aggiunto di avere, successivamente, saputo da Antonino Gioè che Bagarella, tramite un ex ufficiale della Guardia di finanza, amico di Salvatore Di Ganci [ ... ] stava cercando di contattare una persona influente vicina all’on. Craxi e che, a tal fine, era necessario “fare più rumore possibile” (alludendo con ciò ad attentati), onde consentirgli poi di intervenire per far sistemare “la situazione in Italia” a favore di Cosa nostra”.
Il 29 gennaio ’98, davanti al pm Tescaroli, Cancemi racconta che “20 giorni prima della strage di Capaci”, mentre già fervevano i preparativi per imbottire di tritolo l’autostrada Punta RaisiÄPalermo, partecipò a un vertice “presso l’abitazione di Girolamo Guddo, alla presenza di Raffaele Ganci e Salvatore Biondino, nel corso del quale Riina ebbe a dire: 1o mi sto giocando i denti, possiamo dormire tranquilli, ho Dell’Utri e Berlusconi nelle mani, che questo è un bene per tutta Cosa nostra”. Questo incontro avvenne mentre era in corso la preparazione dell’attentato [ ... ] quasi contemporaneamente alle confidenze ricevute dal Ganci [cioè fatte da Ganci a Cancemi] sulle “persone importanti” (incontrate da Riina prima della strage). Il contesto in cui le parole di Riina si inserivano era proprio quello riguardante la strage e le conseguenze che dalla stessa sarebbero potute derivare a tutta l’organizzazione [ ... ] Riina reiterava discorsi fatti anche in precedenza, confermando che gli accordi intervenuti con quelle “persone importanti” avrebbero garantito non soltanto i provvedimenti legislativi favorevoli per tutta l’organizzazione ed in genere interventi con l’Autorità giudiziaria, ma anche la protezione per le conseguenze derivanti dall’esecuzione della strage”. In aula, il 22 ottobre ’99, Cancemi aggiunge che Riina tranquillizzava tutti dicendo: “Queste persone sono quelle che a noi ci devono portare del bene, queste persone noi le dobbiamo garantire ora e nel futuro di più”.
Nel mese di giugno, a cavallo fra Capaci e via D’Amelio, ci furono altri vertici, in cui “Riina specificò di aver chiesto favori legislativi alle “persone importanti”", le quali si erano impegnate a soddisfarle. Le richieste riguardavano – ricorda Cancemi – “annullare ‘stu 41 bis, sta legge sui pentiti, sequestri di beni, insomma un sacco di cose: l’ergastolo, tutte queste cose [ ... ]. Lui le ripeteva diverse volte … “. E “nella riunione di giugno Riina aveva una certa premura, una certa urgenza per fare questa strage di Borsellino. Ha spiegato che ‘sta cosa si
deve fare subito [ ... ]. Lui era tranquillo, aveva queste persone e quindi lavorava sicuro … “.
Dunque – riepiloga Tescaroli – “Cancemi riferiva che Riina, in epoca antecedente alla strage di Capaci, si era incontrato con “persone importanti” [ ... ], autorevoli personaggi del mondo politico nazionale (il cui nominativo apprendeva da Riina e ha indicato al processo d’appello)”, per avviare negoziati “aventi a oggetto provvedimenti legislativi favorevoli all’organizzazione, interventi sull’Autorità giudiziaria e garanzie dalle conseguenze derivanti dalla strage”. Cancemi riferiva pure “che appartenenti al gruppo Fininvest versavano periodicamente una somma di 200 milioni lire a titolo di contributo ["Questi soldi, con assoluta certezza, Riina li usava per Cosa nostra, per alimentare Cosa nostra", assicura Cancemi. Sottolineava che il Riina si era attivato, a far data dagli anni 1990-91, per coltivare direttamente i rapporti con i vertici di detta struttura imprenditoriale (mettendo in disparte Vittorio Mangano, che fino a quel momento li aveva gestiti) e che, tramite Craxi, stava cercando di mettersi la Fininvest nelle mani o viceversa. Peraltro, non sapeva precisare se e come, Riina avesse preso il controllo diretto di questo rapporto, ma ricollegava la stagione stragista proprio a tale avvicendamento. Ha aggiunto che Riina, nel corso del 1991, gli aveva riferito che detti soggetti erano "interessati ad acquistare la zona vecchia di Palermo" e che lui stesso si sarebbe occupato dell'affare, avendolo "nelle mani". Riina e Mangano gli avevano fatto presente che era stata incaricata una persona, chiamata "ragioniere", per seguire "materialmente l'operazione". E ancora [Cancemi] ha dichiarato di aver appreso da Raffaele Ganci, intorno agli anni 1990-1991, mentre transitavano con l’autovettura in prossimità di via Notarbartolo, che in quella zona vi erano dei ripetitori che interessavano “a Berlusconi”. Sottolineava di aver ricevuto conferma di quest’ultima circostanza dal Riina. Va rilevato, solo incidentalmente, che le indicazioni del Cancemi, con specifico riferimento agli esborsi di denaro, hanno trovato puntuali conferme nelle dichiarazioni di altri collaboranti (Francesco Paolo Anzelmo, Calogero Ganci, Aurelio Neri, Antonino Galfiano e Giovan Battista Ferrante) e riscontri obiettivi.
“Cancemi ha fatto riferimento a contatti tra i vertici di Cosa nostra e soggetti capaci di orientare la legislazione in senso favorevole all’organizzazione, intercorsi sia in epoca precedente, che successiva all’arresto di Salvatore Riina, e ha dichiarato di aver avuto conferma – da una frase pronunciata da quest’ultimo: la responsabilità è mia”, nel corso di una riunione tenutasi per brindare al buon esito della strage di Capaci e per deliberare quella di via D’Amelio – che il Riina aveva ricevuto precise garanzie in favore dell’organizzazione, nonostante l’effettuazione di un eclatante attentato da compiersi a breve distanza da uno parimenti grave, da parte delle persone importanti (che ha indicato nei dottori Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi) verso le quali aveva presentato tutta una serie di richieste, fra le quali quelle di “far annullare ‘sta legge sui pentiti “, di abolire l’ergastolo e di eliminare la normativa sul sequestro dei beni o di affievolirne le conseguenze”.
Dunque le “persone importanti” che, secondo Cancemi, avrebbero incontrato Riina incoraggiandolo nella sua strategia volta a scalzare i vecchi partiti e a favorire la nascita di nuovi soggetti politici che diventassero referenti più credibili e utili per Cosa nostra, sarebbero Berlusconi e Dell’Utri. Cancemi fa i loro nomi
- dicendo di averli appresi dalla bocca dello stesso Riina –
soltanto al processo di appello per la strage di Capaci. Dove racconta anche la sua missione presso Mangano, per convincerlo a lasciare a Riina la gestione dei rapporti, coltivati per vent’anni, con Berlusconi e Dell’Utri. “Io – racconta in aula Cancemi – quando sono andato da Mangano, ci dissi: “Vittorio, senti qua, ho parlato cu’ ‘u zu’ Totuccio [Riina - e mi disse che per quelle persone, Dell'Utri e Berlusconi, siccome lui se l'ha messo nelle mani lui, che è un bene per tutta Cosa nostra, quindi tu fammi questa cortesia [ ... ] mettiti da parte perché è una cosa che sta portando avanti ‘u zu’ Totuccio, e quindi mettiti da parte” [ ...]. Il Mangano mi disse: “Ma, perciò, è una vita che ce l’ho nelle mani, ora mi devo mettere da parte. Ma perché? – dice – perché io non sono un uomo d’onore e non posso portare le cose avanti io?”. Ci dissi: “Vittorio, per cortesia, fammi questa cortesia, non insistere, non mi dire niente. Quando lui mi dice che è un bene per tutta Cosa nostra, che cosa ci devo dire io? Dimmelo tu” [ ... ]. Poi il Riina mi disse che queste persone erano interessate ad acquistare la zona vecchia di Palermo [ ... ]. E mi disse: “Me la sbrigo io, come ti ho detto che ce li ho nelle mani io, ci penso a tutto io” [ ... ]. Siamo, credo, nel 1991″.
Nell’udienza del 22 ottobre 1999, il pm Tescaroli domanda a Cancemi: “Senta, lei ha fatto riferimento – per quanto attiene l’individuazione dell’epoca in cui eseguire la strage di Capaci –
a questi accordi, a questi contatti intercorsi tra queste “persone importanti” e Riina. Chi sono queste persone importanti?”. Cancemi risponde con un filo di imbarazzo: quella è la prima volta che ne fa i nomi e i cognomi, e lo fa – chissà perché – proprio in un momento in cui i carabinieri non sono più i suoi esclusivi “angeli custodi”: “Ma io quando… quando me l’ha detto il Ganci lui non me l’ha fatti i nomi, quando stavamo andando… indietro… a Capaci. Mi disse solo “4 persone importanti”: `U zu’ Totuccio si incontrò con persone importanti”. Poi, io, più avanti, l’ho saputo da Totò Riina: e parlava di Dell’Utri e Berlusconi”.
Poi ritorna sul tema delle presunte tangenti Fininvest a Cosa nostra (la storia dei 200 milioni): “Riina diceva che era un contributo che arrivava da parte di Dell’Utri e Berlusconi a Cosa nostra Mi disse che loro avevano delle antenne, ripetitori diciamo, nella zona che Ganci Raffaele me l’ha fatto vedere una volta passando di là [ ... I. Posso dire pure che Riina mi disse che loro, intendo sempre quelle due persone, erano interessate a comprare la zona vecchia di Palermo. Quindi il Riina diceva che questo era un contributo che arrivava per Cosa nostra".
Tescaroli pone un'altra domanda precisa: "Allora, lei sa se queste persone siano state correlate, accostate alle possibili conseguenze derivanti dalla strategia stragista?". E Cancemi: "Ma guardi, io le posso dire con assoluta certezza che il Riina non aveva nessun timore, nessuna paura, aveva una franchezza enorme. Non spiegava che ci potevano essere dubbi [ ... ], anzi sollecitava, aveva una certa premura di fare questa strage. Specialmente quella di Borsellino”.

Due trattative: il “papello” e il Ros.

“Lo stesso Brusca, sia pur con riferimento ad epoca antecedente alla campagna stragista, ha riferito di essere a conoscenza del fatto che alcuni imprenditori milanesi pagavano, a titolo di estorsione o di contributo, una somma di denaro ad appartenenti all’organizzazione e che, in particolare, l’on. Berlusconi “mandava qualche cosa giù come regalo, come contributo, come estorsione” al di lui cugino Ignazio Pullarà. Quest’ultimo inviava Peppuccio Contorno (omonimo del collaborante) e tale Zanga, a ritirare il denaro negli anni 1981-’82-’83″. Ma soprattutto “Brusca dichiarava di essere venuto a conoscenza, nel periodo compreso tra la strage del 23 maggio e quella del 19 luglio 1992 [ ... ] dell’esistenza di una trattativa condotta da Riina per ottenere benefici in tema di revisione dei processi, di sequestri dei beni, di collaboratori di giustizia, ecc.: un’occasione relazionale propiziata dall’esterno, non ricercata da Riina, da questi sfruttata, tanto che dopo la strage di via D’Amelio, per agevolarne la ripresa e la definizione, richiedeva l’effettuazione di un ulteriore attentato nei confronti di un rappresentante delle Istituzioni, che veniva individuato nel dottor Pietro Grasso [già giudice a latere del maxiprocesso, oggi procuratore capo di Palermo]. In proposito, [Brusca] ha così articolato il suo racconto. Una volta eliminato l’on. Lima, si “andavano a cercare i nuovi contatti”. Un canale era costituito dall’impresa Reale. Dopo la strage di Capaci, incontrandosi con Riina, gli chiedeva notizie: “Come va? Che si dice? Che notizie abbiamo? Reazioni?”, con riferimento alla campagna stragistica in atto. In una prima occasione (circa 10-15 giorni dopo la strage) il Riina gli rappresentava che “volevano portare a questo Bossi”, che il Riina considerava un pazzo e che non gli interessava; in una seconda (che ha collocato circa una settimana 15 giorni prima della strage di via D’Amelio), Riina gli poneva in rilievo che “si sono fatti sotto”. A distanza di 3-4 mesi [dopo via D'Amelio], tramite Biondino, gli comunicava, sapendo che ne aveva la possibilità, che “si sono fermati, ci vuole un altro colpetto”, nel senso che occorreva colpire un ulteriore obiettivo. A seguito della sollecitazione, [Brusca] si era attivato per perpetrare un attentato in pregiudizio del dott. Pietro Grasso”.
La trattativa è quella del famoso “papello”. Secondo
Brusca – afferma Tescaroli – “Riina gli riferiva che aveva.predisposto per questi interlocutori una serie di richieste: “Gli ho fatto un papello tanto”: revisione del maxiprocesso al fine di far annullare gli ergastoli e demolire il “teorema Buscetta”; neutralizzazione dei sequestri dei beni; estendere i benefici della legge Gozzini ai reati di cui allarticolo 416 bis; abrogare l’ergastolo; ottenimento degli arresti ospedalieri e domiciliari [specie per i boss detenuti più anziani] [ ... ]. Entrambi i suddetti colloqui si svolgevano tra i soli Riina e Brusca”.
in quel periodo, però, s’intrecciava più di una trattativa tra pezzi delle istituzioni e i vertici di Cosa nostra. Un’altra è quella rivelata dal capitano del Ros Giuseppe De Donno e l’allora vicecomandante del Ros Mario Mori. I quali, a cavallo fra Capaci e via D’Amelio e anche dopo via D’Amelio, avevano contattato l’ex sindaco mafioso di Palermo Vito Ciancimino per chiedergli aiuto nell’individuare i nascondigli di Riina e Provenzano. Ciancimino, tutt’altro che “pentito”, ma propenso addirittura a infiltrarsi nel mondo degli appalti siciliani per “ricostruire il sistema di Tangentopoli” e agganciare così i nuovi padroni della mafia e della politica, si era apparentemente ritratto dalla trattativa quando gli avevano chiesto la consegna di Riina e Provenzano. Senonché, dopo un mese di silenzio, si era improvvisamente rifatto vivo, dicendosi disponibile – afferma Tescaroli, sulla scorta delle deposizioni di Mori e De Donno – “a fornire indicazioni per la cattura di Riina [di Provenzano non si parlava più ... ] e chiedeva all’uopo di poter consultare alcune mappe di Palermo”.
La trattativa si interruppe poi definitivamente perché il Ros, che aveva già qualche idea sul covo dei boss, ottenne le ultime conferme da Balduccio di Maggio e, nel gennaio ’93, lo catturò”. Resta il fatto, molto inquietante, che mentre la mafia assassinava i magistrati e i poliziotti con il tritolo, i vertici del Ros
- probabilmente non a titolo personale – trattavano con i suoi capi. “Ciancimino – ricorda Tescaroli – aveva iniziato una sorta di attività di infiltrato in seno all’organizzazione, rapportandosi con Salvatore Riina, per il tramite del dott. Antonino Cinà, divenendo l’interfaccia tra gli appartenenti al Ros e i vertici dell’organizzazione. I primi, a detta di Mori e De Donno, portatori dell’esigenza di sfruttare una fonte qualificata per iniziare
un’efficace attività di contrasto e giungere all’arresto di Riina
e Provenzano, ottenendo nel contempo la collaborazione formale di Ciancimino; i secondi, a detta di Brusca [che aveva "intuito" i termini della trattativa dalle confidenze di Riinal determinati a sviluppare una trattativa con un "papello" di richieste, per indurre lo Stato a scendere a patti e a riconoscere loro una serie di benefici, come contropartita della cessazione delle stragi".
---
"Si vis pacem para bellum".

Riina d'altronde l'aveva detto ad altri mafiosi. Filippo Malvagna, collaboratore di giustizia, ha riferito le frasi precise del capo dei capi: "Bisogna prima fare la guerra per poi fare la pace".
Una guerra che fra l'altro - scrive Tescaroli - avrebbe liberato l'organizzazione "degli uomini appartenenti alle Istituzioni che avevano creato, con la loro azione investigativa o istituzionale, un documento essenziale al sodalizio" (come Falcone e Borsellino), ma anche "di quei politici che, contigui o collusi con l'organizzazione, l'avevano poi abbandonata, non avendo più potuto o voluto continuare nell'attività di copertura o convivenza promessa". Ad esempio Ignazio Salvo e Salvo Lima e, tramite quest'ultimo, Giulio Andreotti (uccidendo Lima - dice Brusca -
"sì additava l'onorevole Andreotti come mafioso"; e ricorda quel che gli disse Riina alla vigilia della strage di Capaci: "Speriamo che l'attentato del dottor Falcone avviene prima, che per effetto sicuramente non faranno più all'onorevole Andreotti presidente della Repubblica"; infatti, conclude Brusca, "prima con l'effetto Lima, poi con l'effetto di Capaci, l'onorevole Andreotti non fu più eletto presidente della Repubblica, e quindi non si realizzò il sogno della sua vita").
Resta da capire, osserva Tescaroli, se i capi del Ros e Brusca si riferiscono alla stessa trattativa oppure a due trattative diverse e parallele. E forse è bene ricordare che Dell'Utri - come dirà anche il suo amico e collaboratore Ezio Cartotto (di cui parleremo più avanti) - fin dagli anni '70 era legato a Ciancimino.
E, come nota il Pm, in questa trattativa del '92 "il comportamento di Ciancimino appare davvero singolare. Dinanzi alla richiesta di fornire indicazioni per la cattura di Riina, Ciancimino mostra un atteggiamento di chiusura, "rectius" chiede una pausa di riflessione. A distanza di tempo è lui stesso che chiede il colloquio [al Ros] e che offre la disponibilità a dare il suo contributo per la cattura del solo Riina. Cosa è intervenuto in questo frangente che gli ha fatto mutare atteggiamento? Si tratta del frutto di un calcolo utilitaristico interconnesso alla propria posizione giuridica o di un qualcosa di più e di diverso? Perché una generica proposta, sostanzialmente di fare il confidente, diventa una via percorribile? Chi o che cosa gli ha dato lo stimolo, la forza o il coraggio di compiere un passo di questo tipo? [ ... ] Tali aspetti problematici debbono essere tenuti a mente, in quanto interagiscono con i vincoli relazionali che hanno accompagnato la campagna stragista. Un dato deve altresì considerarsi assolutamente certo: i vertici dell’organizzazione [Cosa nostra], subito dopo la strage di Capaci (secondo il racconto di De Donno) o dopo il 25 giugno (alla stregua delle indicazioni del generale Mori) ricevettero un segnale istituzionale che, nella loro prospettiva, suonava come una riprova dell’idoneità dell’azione stragista a raggiungere l’obiettivo di aprire nuovi canali relazionali, capaci di individuare nuovi referenti politico-istituzionali. Una convinzione che aveva, verosimilmente, indotto il Riina a cercare una rivitalizzazione, dopo la strage di via D’Amelio, della trattativa, con il progetto di attentato nei confronti del dott. Pietro Grasso. Riina, tramite Biondino, fa presente che occorre porre in essere un ulteriore attentato nei confronti di un rappresentante dello “Stato”. Una sollecitazione delittuosa che fa il paio, temporalmente, con il congelamento del rapporto Mori-De Donno-Ciancimino”.
Che rapporto c’è fra la trattativa rivelata dagli stessi vertici del Ros (di cui era sommariamente informato anche Brusca) e quella di cui parlano Cancemi, Siino e altri collaboratori di giustizia che fanno i nomi di Mangano, Dell’Utri e Berlusconi? E’ uno dei nodi fondamentali da sciogliere. “Si impone – dice il p.m. Tescaroli – la necessità, ai fini di una disamina complessiva degli elementi acquisiti, [ ... ] di correlare gli stessi con le indicazioni del Cancemi – Il Cancemi ha posto in rilievo che Riina aveva esposto, nel corso di una riunione, che si stava accingendo a inoltrare una serie di richieste (il cui contenuto è in larga misura coincidente con quanto costituiva oggetto della trattativa, di cui ha riferito il Brusca) nei confronti di soggetti esterni all’organizzazione, che ha individuato negli onorevoli Berlusconi e Dell’Utri. Orbene: dette indicazioni suscitano una serie di interrogativi.”

Quante trattative fra Stato e mafia?

“Innanzitutto – dice ancora il p.m. Tescaroli – quali rapporti intercorrevano tra la trattativa di cui parla il Cancemi e gli incontri intercorsi tra il Riina e le “persone importanti”, in epoca precedente alla strage di Capaci?
“E poi la trattativa a cui si riferisce il Cancemi è la stessa di cui parlano Brusca, De Donno e Mori? E se si tratta della stessa trattativa, come mai il solo Cancemi indica gli interlocutori? Siamo davvero dinanzi a personaggi o ci troviamo di fronte a due facce della stessa medaglia? [ ... ] Una serie di quesiti che costituisce oggetto di diversi procedimenti penali, volti a verificare se sussistano o meno profili di responsabilità, nei delitti rientranti nella stagione stragista nei confronti di altri soggetti, in ipotesi, partecipi di un vero e proprio disegno cospirativo. In ogni caso si può sottolineare che, astrattamente, si possono formulare, con specifico riferimento alle relazioni rievocate dal Brusca e dal Cancemi, Collocate dopo la strage del 23 maggio 1992, tre ipotesi a livello logico razionale.” Eccole:
1) “Cancemì riferisce, nella sostanza, della medesima trattativa con papello di cui ha narrato il Brusca. In questo caso si deve ritenere che al Cancemi e agli altri capimandamento presenti, a suo dire, nell’abitazione di Guddo (Biondino e Raffaele Ganci), sia stato prospettato un segmento di verità ulteriore e di completamento rispetto a quanto conosciuto dal Brusca: che gli appartenenti al Ros avrebbero agito per conto dei personaggi indicati dal Cancemi”, cioè di Berlusconi e Dell’Utri. In questo caso, delle due l’una: “O il Ciancimino ha prospettato realmente in questi termini la vicenda al Riina, per il tramite del dottor Cinà, perché questa è stata l’interpretazione che lo stesso [Ciancimino] ha dato alle parole del gen. Mori, che millantava di agire per conto di altri soggetti ben più influenti nel tentativo di persuaderlo a collaborare”; oppure, “per rendere credibili ai vertici dell’organizzazione i suoi interlocutori, il Ciancimino ha accreditato gli appartenenti all’Arma dei Carabinieri di aderenze o appoggi in realtà non esistenti”. Ma c’è anche una terza possibile spiegazione: “Potrebbe essere stato di contro Riina, consapevole dell’esistenza di contatti e rapporti di natura economica con quegli interlocutori, ad aver ritenuto che i referenti per conto dei quali agivano Mori e De Donno, fossero proprio le Persone indicate da Cancemi [Dell'Utri e Berlusconi]; e ciò ritenendo vi fosse da parte loro, nell’offensiva di attacco verso il potere costituito, una coincidenza di interessi nel disegno criminale ordito dal sodalizio, in termini di acquisizione di potere o di propositi di determinare nuovi equilibri politico-istituzionali”.
2) Seconda ipotesi: “Cancemi fa riferimento a un vincolo relazionale diverso e ulteriore intercorso e coltivato dal Riina rispetto a quello riferito dal Brusca e dagli ufficiali del Ros”. Ma “questa ipotesi non appare nemmeno astrattamente sostenibile, posto che gli aspetti peculiari del racconto del Brusca, come ad esempio quello della correlazione della trattativa con il progetto politico imprenditoriale volto a sostituire l’Impresem con l’impresa Reale, appaiono il frutto, allo stato, di mere intuizioni, e che v’è coincidenza nell’oggetto delle richieste di cui fanno menzione i due dichiaranti”.
3) Terza ipotesi: “Cancemi e Brusca riferiscono della medesima trattativa con papello, che rappresenta una realtà fenomenica diversa rispetto a quanto dichiarato da Mori e De Donno; posto che l’organizzazione ha mostrato di coltivare altre trattative nell’arco temporale caratterizzato dall’attuazione del progetto stragista, ed in particolare i rapporti Gioè-Bellini [un misterioso personaggio venuto dal Nord, che intavola una terza trattativa con Cosa nostra nello stesso periodo], concernenti la trattativa o l’ipotesi di trattativa che prevedeva nella sostanza una cessione di opere d’arte (quadri) oggetto di furto e recuperate da parte dell’organizzazione, a fronte di trattamenti carcerari migliorativi, come arresti domiciliari od ospedalieri, per alcuni uomini d’onore e segnatamente per i seguenti capimandamento detenuti: Giacomo Giuseppe Gambino, Luciano Liggio, Giuseppe Calò e Bernardo Brusca, nonché per Giovanni Battista Pullarà. Un vincolo relazionale, quest’ultimo, che il Bellini aveva promosso; che faceva capo, come ha ricordato Brusca, sempre al generale Mario Mori; che si era sviluppato a cavallo tra l’assassinio dell’on. Lima e la strage di Capaci”.

Riina invocava un nuovo partito.

Comunque siano andate le cose – afferma p.m. Tescaroli –
“a prescindere dalla verifica investigativa tuttora in corso, nell’ambito di separato procedimento penale, per individuare quale ipotesi sia aderente al vero e concretamente riscontrabile [ ... ], possiamo affermare con assoluta certezza che il disegno criminale nel suo complesso, e la strage del 23 maggio 1992, in particolare, si è mosso correlativamente al procedere di trattative volte a incidere sui poteri politici e istituzionali, e sull’azione degli stessi, per ottenere vantaggi per gli adepti dell’accolita”.
Cioè per gli affiliati a Cosa nostra.
Le conclusioni del discorso portano, ancora una volta, ai tre fatidici nomi di Mangano, Berlusconi e Dell’Utri. Cancemi e Brusca – osserva Tescaroli – “hanno riferito la loro porzione conoscitiva, che rappresenta una parte di una realtà più complessa, da nessuno dei due conosciuta nell’integralità. Invero Cancemi era in condizione privilegiata rispetto al Brusca, per poter conoscere del rapporto, o comunque dei contatti con le ” persone importanti” dallo stesso menzionate [Berlusconi e Dell'Utri], posto che Vittorio Mangano, che nel passato aveva coltivato quelle relazioni, è uomo d’onore del suo mandamento [Porta Nuova] e che lo stesso Cancemi era intervenuto per far mettere in disparte il predetto Mangano nel mantenimento dei rapporti con quei soggetti, onde consentire al Riina la gestione diretta del rapporto.
Nondimeno, la conoscenza di tali rapporti da parte di Raffaele Ganci e di Salvatore Biondino, riferita dal Cancemi, appare coerente, sviluppando logicamente le sue indicazioni, se si pone mente al fatto che Pierino Di Napoli, uomo d’onore della “Noce”, e quindi gerarchicamente dipendente dal Ganci, era un anello di collegamento nel “percorso” delle somme di denaro versate dalle cosiddette “persone importanti” all’organizzazione; e che il Biondino era il personaggio più vicino al Riina, in seno a Cosa nostra. Perciò le indicazioni di Brusca, allo stadio delle attuali acquisizioni, non si pongono in antitesi con quelle del Cancemi, ma devono ritenersi complementari”.
Ma c’è anche un altro collaboratore che dice cose interessanti: “Maurizio Avola ha riferito che, negli ultimi mesi del 1992, si era svolta a Palermo una riunione dei rappresentanti delle varie “province” siciliane [...], nel corso della quale Riina aveva esposto il piano strategico ordito dall’organizzazione, consistente nell’instaurazione di un clima di attacco allo Stato che avrebbe consentito di “togliere il vecchio” sistema politico e, al contempo, di creare un clima favorevole per l’affermazione di un nuovo soggetto politico [ ... ]. Si tratta di una riunione che si colloca, senza dubbio, in una congiuntura del tutto particolare, poiché il livello dello scontro con lo Stato s’era fatto consistente e le cosiddette “trattative” erano in corso, mentre altre forme di aggressione nei confronti delle Istituzioni erano in cantiere, quali il progetto di attentato nei confronti del dott. Pietro Grasso. Orbene l’accostamento di dette indicazioni a quelle del Cancemi e del Brusca consente di inquadrare le ipotesi di trattativa coltivate e gli attentati eseguiti e programmati, nell’azione volta a creare le condizioni per l’affermazione di una nuova formazione politica. Che in particolare l’ipotesi di trattativa con papello fosse propedeutica a favorire l’ingresso di una nuova forza politica, è reso verosimile dal fatto che il 15 gennaio 1993, giorno dell’arresto del Riina, era stata indetta una riunione della commissione [la cupola di Cosa nostra], a detta del Brusca, per affrontare, tra l’altro, tale questione.
“V’è, poi, un dato obiettivo che emerge dalla realtà fenomenica istituzionale: effettivamente, anche per l’azione dirompente prodotta dalle indagini su Tangentopoli, venivano soppiantati da altre realtà Politiche, nel corso degli anni 1992, 1993 e 1994, i partiti della Dc e del Psi, che, prima dell’inizio dell’attuazione del disegno strategico, rappresentavano la roccaforte del potere nel paese. E infatti, a partire dalla seconda metà del 1992 e sino al febbraio 1993, si creava progressivamente la spaccatura all’interno del Psi, tra gli on. Craxi e Martelli, quest’ultimo si dimetteva da ministro di Grazia e Giustizia, mentre l’on. Craxi riceveva due avvisi di garanzia dai giudici milanesi e lasciava la segreteria del partito; il segretario amministrativo della Dc Citaristi, raggiunto dalla nona informazione di garanzia, annunciava dimissioni. E ancora il 6 aprile la Commissione antimafia approvava la relazione conclusiva dell’indagine sui rapporti tra mafia e politica redatta dal presidente Luciano Violante, nella quale si afferma che “risultano certi alla Commissione i collegamenti di Salvo Lima con uomini di Cosa nostra” ed egli era il massimo esponente in Sicilia della corrente democristiana che faceva capo a Giulio Andreotti, sulla cui “eventuale responsabilità politica dovrà pronunciarsi il parlamento”; il 21 aprile 1993, veniva inoltrato un avviso di garanzia al Ministro Salvo Andò per voto di scambio; il 12 maggio 1993 nasceva il nuovo governo guidato dall’on. Ciampi; il 13 maggio 1993 il Senato concedeva l’autorizzazione a procedere nei confronti dell’on. Giulio Andreotti. Ma non solo. In tale divenire, la strategia criminale non si arrestava, ma si perpetuava, nonostante l’intervenuto arresto del Riina indirizzandosi verso obiettivi ubicati fuori dal territorio siciliano, concretizzandosi – dal 14
maggio 1993, due giorni dopo la nascita del governo Ciampi – nel fallito attentato al conduttore televisivo Maurizio Costanzo e con quelli al patrimonio storicoartistico-monumentale della nazione”. Il seguito è noto: nel 1993 prende corpo una forza politica tutta “nuova”: si chiama Forza Italia, l’hanno fondata un certo Silvio Berlusconi e un tal Marcello Dell’Utri. Forza Italia vince le elezioni politiche del 1994, le prime dopo la stagione di Tangentopoli e delle stragi. E, per fortuna, le bombe smettono di esplodere.
Le conclusioni di Tescaroli sono agghiaccianti: “Possiamo affermare con certezza che l’organizzazione denominata Cosa nostra è un soggetto criminale che, particolarmente a partire dagli anni 1991-92, ha recitato un ruolo non marginale nel quadro politico-istituzionale della nazione. E proprio in quel periodo si è assistito a un proliferare di azioni criminali, alcune delle quali portate a compimento, altre rimaste in uno stadio embrionale, di notevole rilevanza, per la valenza delle vittime designate, che hanno prodotto un profondo condizionamento della vita democratica del paese. [ ... ] Una vera e propria strategia destabilizzante
[ ... ] rafforzata da soggetti esterni [ ... ] concepita a cavallo di un periodo storico nevralgico, estremamente adatto per un verso a far saltare ogni equilibrio esistente, e peraltro a crearne di nuovi, caratterizzati da nuovi e più favorevoli rapporti di forze”. Insomma, per dare vita a “centri di poteri ritenuti più acconci ai propri interessi”. Cosa nostra si proponeva dunque di “incidere sugli assetti di potere esistenti e di creare le premesse per la formazione di nuovi aggregati politici”. Una strategia nata nel ’91, e poi modificata via via in corso d’opera, a mano a mano che sortiva l’effetto di raccogliere “persone importanti” pronte a trattare. Fino alla svolta del 15 gennaio ’93, giorno dell’arresto di Totò Riina: “punto di svolta, come ha rilevato il Brusca, tra la stagione di aggressione concretizzatasi nel 1992 e quella del 1993, inaugurata con l’attentato in via Fauro. L’arresto [di Riina]
ha indotto i vertici dell’organizzazione a rivedere e correggere il tiro nelle modalità e nelle forme di aggressione, anche in considerazione dell’andamento dei rapporti e del le trattative in corso con entità esterne all’organizzazione e segnatamente con rappresentanti del mondo politico-istituzionale, imprenditoriale-finanziario e con soggetti a questi comunque collegati.
“Ma per individuare le ulteriori responsabilità di chi, all’esterno di Cosa nostra, ha avuto interessi convergenti, occorrerà ancora indagare; anche per individuare chi, in quell’epoca, era in rapporto di reciproco scambio di interesse politico, economico e finanziario, se e in che misura sussista un collegamento tra le indagini di Tangentopoli e la campagna stragista, se e in quale misura quest’ultima sia da collegare, in toto o in parte, ad un proposito di arginare o congelare quelle investigazioni, per impedire che si estendessero al Sud e, infine, per meglio sviscerare i collegamenti e le reciproche influenze con gli eventi istituzionali freneticamente susseguitisi in quegli anni.
“Tutto questo – conclude il pm Tescaroli nella requisitoria al processo d’appello su Capaci – fa parte di un altro filone di indagine. Si continuerà a lavorare non solo perché questo è un obbligo giuridico, ma perché è la memoria di Falcone, è la coscienza critica e morale della società civile che impone questo dovere: senza verità non c’è giustizia. E ci auguriamo, sebbene siano passati quasi nove anni, di trovare il filo conduttore che ci faccia risalire a questi mandanti esterni, per poter esercitare l’azione penale nei loro confronti ed evitare che questa realtà, per ora solo intravista, vada ad accrescere i molti misteri che avvolgono lo stragismo nel nostro paese.”
Se ciò sarà davvero possibile, ancora non lo sappiamo: appena Tescaroli è partito da Caltanissetta, quella Procura ha annunciato di aver chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sui mandanti occulti, nella quale erano indagati Berlusconi, Dell’Utri e altri. Archiviazione per proseguire le indagini, o per mettervi la parola fine? Presto per dirlo. Bisognerà attendere le motivazioni della Procura e le decisioni del Gip.
Certo è che quella strategia raffinatissima, che ha insanguinato l’Italia nel 1992-93, non può essere stata partorita soltanto dai macellai di Cosa nostra. Perché – come sostiene Tescaroli – “fu una vera e propria cospirazione politica, mutando atteggiamento nei confronti dello Stato rispetto al passato, in quanto ha realizzato non più una strategia selettiva diretta a colpire persone determinate, che avevano creato nocumento all’organizzazione, in vista del mantenimento dell’equilibrio istituzionale mafioso che dal dopoguerra si era venuto a creare tra i sodali e rappresentanti delle istituzioni; ma una rottura creativa di nuovi equilibri, attraverso una concentrazione di azioni eclatanti e destabilizzanti in un breve lasso temporale. Nuovi rapporti da consolidare e/o creare ex novo sfruttando, per un verso, quei canali economico-finanziari dei quali l’organizzazione poteva disporre sulla base dei pregressi rapporti, e per l’altro verso, ponendo i presupposti per goderne di nuovi”.
Rapporti fra mafia e alta finanza milanese, indagini in corso al Sud, anzi a Palermo, da (possibilmente) bloccare. Sembra di sentire parlare Paolo Borsellino, quando nell’intervista parla dei referenti economico-finanziari di Cosa nostra nel Nord Italia per il riciclaggio del denaro sporco. Borsellino, quel 21 maggio 1992, non sapeva ancora nulla della strategia stragista. L’avrebbe scoperta anche lui, come tutti gli italiani, due giorni più tardi, di fronte al cadavere carbonizzato dal suo amico Giovanni Falcone. Prima di sperimentarla anche lui, due mesi dopo, sulla propria carne viva.

Intanto, ad Arcore, accade che…

Mentre a Palermo Borsellino rilascia quell’intervista, dopo tre mesi dall’inizio di Mani Pulite e un mese e mezzo dalle elezioni politiche del 6 aprile’92 che hanno portato il Caf al minimo storico, a Milano, in gran segreto, già fervono i preparativi per dar vita a una nuova forza politica che sostituisca i vecchi e ormai moribondi referenti della Fininvest. Se ne incarica Marcello Dell’Utri, ovviamente d’intesa con il suo padrone Silvio Berlusconi. Possibile che già nel maggio ’92, oltre un anno e mezo
prima della “discesa in campo” del Cavaliere, il partito di Arcore già pensasse alla futura Forza Italia? Possibilissimo. Anzi, praticamente certo. Non lo dice un mafioso pentito, e nemmeno un pm in vena di teoremi. Lo afferma l’uomoche fu chiamato, proprio nel maggio ’92, a catechizzare i manager di Publitalia sui primi rudimenti della politica. Ufficialmente lavorava per la Publitalia, all’ottavo piano di Palazzo Cellini a Milano 2, come procacciatore di contratti pubblicitari. In realtà seguiva il progetto politico del partito Fininvest, che sarebbe sfociato alla fine del ’93 in Forza Italia. Quest’uomo si chiama Ezio Cartotto e ha una storia interessante, quasi tutta nella sinistra democristiana Milanese, Cartotto era il ghost writer di Giovanni Marcora e Piero Bassetti, ma era anche molto vicino alla Fininvest. Conosce Berlusconi dal 1971 e a metà degli anni ’80 tiene lezioni di “formazione” ai manager di Publitalia. Dal ’92 al ’94 partecipa, insieme a Berlusconi, Dell’Utri, Letta, Confalonieri, Previti, Dotti e pochissimi altri top manager del Biscione (con l’aggiunta, ogni tanto, di Bettino Craxi), alla creazione di Forza Italia. Ed è l’unico che racconterà quelle riunioni senza reticenze, ai magistrati di varie Procure della Repubblica che lo interrogheranno. Inutile dire che la sua testimonianza, anche perché unica, è ritenuta importantissima dai magistrati che indagano sui mandanti occulti delle stragi del ’92 e del ’93.
Le coincidenze di dati e circostanze sul fronte “milanese” con quanto raccontano i collaboratori di giustizia sul “fronte palermitano” è impressionante. Ecco dunque il testo integrale delle due deposizioni di Cartotto dinanzi ai pm di Palermo Domenico Gozzo e di Caltanissetta Anna Palma e Luca Tescaroli. Ogni commento è superfluo.
Il verbale, in stretto burocratese, si apre con queste parole:
“Il giorno 20 giugno 1997, alle ore 10,15, negli Uffici della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo innanzi al Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. domenico Gozzo [...]
è comparso: Cartotto Ezio Carlo, nato a Milano il 05/07/1943, residente in Cesano Maderno [...]. Avvertito dell’obbligo di riferire ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentito dichiara…”. Ed ecco il racconto di Cartotto; (i corsivi sono nostri).
“Nel maggio-giugno 1992 sono stato contattato da Marcello Dell’Utri perché lo stesso voleva coinvolgermi in un progetto da lui caldeggiato. In particolare Dell’Utri sosteneva la necessità che, difronte al crollo degli ordinari referenti politici del gruppo Fininvest, il gruppo stesso “entrasse in politica” per evitare che una affermazione delle sinistre potesse portare prima ad un ostracismo e poi a gravi difficoltà per il gruppo Berlusconi.
“Immediatamente Dell’Utri mi fece presente che questo suo progetto incontrava molte difficoltà nello stesso gruppo Berlusconi e, utilizzando una metafora, mi disse che dovevamo operare come sotto il servizio militare e cioè preparare i piani, chiuderli in un cassetto e tirarli fuori in caso di necessità, eseguendo in tale ultimo caso ciascuno la propria parte. Il Dell’Utri mi invitò
anche a sostenere questa sua tesi presso il Berlusconi,
con il quale sapeva che io coltivavo da tempo un rapporto di amicizia.
“Successivamente a questo discorso cominciai a lavorare presso gli uffici della Publitalia, all’ottavo piano in un ufficio nei pressi di quello di Dell’Utri. Insieme a me lavoravano: la segretaria messami a disposizione da Dell’Utri, signora Piera Milanesi; una serie di collaboratori che avevo portato io stesso: Giuseppe Resinelli, ex sindaco di Lecco; il defunto Vladimiro Pizzetti, dirigente della Coldiretti; Roberto Ruppen, giornalista; Giovanni Mucci, giornalista; il dott. Rodolfo Garofalo, di Brescia, di area socialista. Inoltre Dell’Utri mi mise a disposizione per qualsiasi necessità il dott. Giorgio Preda, che si occupava dei master, e il dott. Nicolò Querci, che era allora il suo segretario.
“Non so indicare con certezza il momento in cui Berlusconi è stato informato della mia presenza alla Fininvest, o, per meglio dire, della ragione per cui ero in Fininvest. Sono certo comunque che nel settembre ’92 lo stesso fosse informato pienamente. Ciò dico in quanto ad una convention di quadri della Fininvest, tenuta a Montecarlo, Berlusconi tenne un discorso che posso definire
“d’attacco” dicendo specificamente: “I nostri amici che ci aiutavano, contano sempre di meno; i nostri nemici contano sempre di più; dobbiamo Prepararci a qualsiasi evenienza per combatterli”.
“Successivamente partecipai a un incontro tra Berlu sconi e Dell’Utri, nel corso del quale Berlusconi disse espressamente a Dell’Utri e a me di non mettere a conoscenza di questo Progetto né Fedele Confalonieri, né Gianni Letta, che probabilmente stavano sondando diverse possibilità. Da questo e da altri successivi discorsi capii che il gruppo Berlusconi era profondamente diviso, tra quelli che io chiamo “falchi”, certamente comprendenti il Dell’Utri, e le “colombe”, comprendenti Confalonieri e Letta.
“Questi ultimi sostenevano che un impegno diretto del gruppo in politica avrebbe potuto avere ritorni disastrosi. Successivamente aderirono alle posizioni del Dell’Utri e Previti (quando ne venne messo a conoscenza e cioè quando io so nel maggio 1993) ed Ennio Doris, presidente di Programma Italia, quando anche lui lo venne a sapere (luglio 1993).
“La posizione di Confalonieri, e quindi l’ostilità verso questo progetto del Dell’Utri, era invece di molti degli opinionisti del gruppo e in particolare in Montanelli, Federico Orlando, Maurizio Costanzo [che proprio in quel periodo, il 14 maggio '93, si salverà per miracolo da un terrificante attentato mafioso in via Fauro nel cuore dei Parioli a Roma] e Gori di Canale 5. Alcuni, invece, mantenevano una posizione defilata, come Galliani e Bernasconi.
“Dall’ottobre 1992 in poi, mi occupai quindi insieme ai miei collaboratori, di contattare associazioni di categoria ed esponenti del mondo politico dell’area di centro (tra questi ricordo: la Confartigianato, la Coldiretti, una parte della Cisl ed i sindacati autonomi) e il risultato del sondaggio fu che tutte queste forze sentivano fortemente la mancanza di un referente politico nell’area appunto del centro.
“Si arrivò quindi all’aprile del 1993, quando Berlusconi
mi convocò e mi disse che aveva la necessità di prendere una decisione definitiva su ciò che si doveva fare perché le posizioni di Dell’Utri e Confalonieri gli sembravano entrambe logiche e giuste, e lui non era mai stato così a lungo in una situazione di incertezza.
“Mi disse quindi che per prendere una decisione aveva chiamato un suo amico, che lui stimava molto dal punto di vista politico, e cioè Bettino Craxi. Alla riunione partecipammo io, Craxi e Berlusconi. Non è un caso che mancasse il Dell’Utri, perché Berlusconi voleva decidere se aderire o meno alla sua impostazione.”

Craxi cofondatore di Forza Italia.

“Craxi in quell’occasione diede il suo via libera a Berlusconi, anche se devo precisare che in quel frangente il progetto riguardava esclusivamente la possibilità che Berlusconi e il suo gruppo appoggiassero direttamente alcune forze politiche. Ricordo che una ragione di contrasto tra Berlusconi e Craxi fu la possibile alleanza con l’allora Msi. Craxi era convinto che un’alleanza con i missini avrebbe fatto perdere voti di centro a quel nuovo contenitore politico che andava profilandosi. Inoltre riteneva che si dovesse cercare di scardinare la Lega Nord e che, se si fosse arrivati a una alleanza con l’Msi, questo l’avrebbe ricompattata.
A fronte di questa posizione il Berlusconi sosteneva che bisognava chiamare a raccolta tutte le forze non comuniste.
“Alla fine della riunione Berlusconi mi disse: “La decisione è presa” con ciò facendomi capire che aveva prevalso la linea Dell’Utri.
“Successivamente, come ho già detto, la decisione venne comunicata a Previti in mia presenza e in presenza anche di Dell’Utri e Berlusconi. Si decise in quell’occasione di fare (come venne detto) un “Giro d’Italia” di tutte le aziende clienti del gruppo, per sensibilizzarle sulle iniziative politiche da assumere. Previti diede il pieno appoggio all’iniziativa manifestando però dei dubbi su eventuali ipotesi di leader di questo nuovo movimento. Sin da allora del resto Berlusconi aveva evitato accuratamente di fare il proprio nome come leader di questa nuova forza politica. Si pensava infatti ad alcuni ex Dc come Martinazzoli e Segni o ad un ex Psi come Amato.
“I rapporti tra il gruppo Berlusconi e la Lega Nord erano sicuramente presenti. Berlusconi ha infatti cercato più volte di instaurare una alleanza su questo progetto con la Lega Nord, tanto che mi risulta personalmente abbia portato un aiuto determinante nell’elezione di Formentini a Sindaco di Milano. Ciò mi risulta anche perché, dopo l’elezione di Formentini, Berlusconi cercò di farsi ricevere e la segretaria del Sindaco rinviò l’incontro a qualche mese dopo. Berlusconi si adirò molto di questo comportamento e disse davanti a me testualmente che non se l’aspettava, visto l’aiuto dato per l’elezione di Formentini.
“Anche Dell’Utri intratteneva rapporti con uomini della Lega Nord, e in particolare ricordo di avere notato dei rapporti con Maroni e con Patelli, forse il più vicino a Dell’Utri. Dell’Utri aveva rapporti anche con Miglio, così come Berlusconi, anche se entrambi sembravano non considerarlo granché. Il progetto di Dell’Utri era alla lunga quello di Craxi e cioè quello di portare dalla propria parte un settore della Lega Nord e quindi arrivare ad esautorare Bossi. La preoccupazione di una possibile vittoria delle sinistre era assolutamente prevalente sulla preoccupazione derivante dalla natura della Lega Nord. In quest’ottica, anche i pericoli per lo Stato unitario che derivavano dalla posizione della Lega venivano vissuti sia da Dell’Utri che da Berlusconi come un problema successivo ed eventuale, da affrontare quando fosse stato scongiurato il pericolo della vittoria delle sinistre.
“Dopo questi incontri di cui ho parlato, io continuai a svolgere il lavoro che ho già detto, e nel periodo tra il luglio e l’agosto 1993, posso dire vi fu il “salto definitivo”, tanto che si lavorò a pieno ritmo e lo stesso Berlusconi prese pochissime vacanze.
Nel luglio ’93, presso lo studio del notaio Roveda di Milano, venne costituita l’associazione “Forza Italia! Associazione per il buon governo”. In questo periodo vennero abbozzati i progetti Politici della nuova forza e vennero coinvolte persone esterne al gruppo come Urbani, Ciaurro e Calligaris [soltanto per orientarsi temporalmente nella cronologia della Procura di Caltanissetta, ricordiamo alcune date: dopo l'attentato a Costanzo del 14 maggio '93 vengono quello di via dei Georgofili a Firenze il 27 maggio '93, quello di via Palestro a Milano il 27 luglio '93 e quelli di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano il 28 luglio '93; poi più nulla].
“Nell’agosto del 1993 quindi si arrivò a una riunione dei principali dirigenti Fininvest e degli altri esterni aderenti al progetto, nel corso del quale la decisione venne comunicata a Confalonieri e a Letta. In quell’occasione erano presenti: Giuliano Urbani, Gianni Pilo, Dell’Utri, l’avv. Travaglia, Angelo Codignoni, Doris e Baldini. Nell’ambito di questo incontro, avvenne un forte scontro tra Confalonieri e Berlusconi. In particolare Confalonieri sostenne che era negativo sia per il gruppo sia per il paese che intervenisse direttamente in politica un gruppo che aveva una cosìforte presenza e influenza sui mezzi di comunicazione, dato che questo avrebbe potuto influire pesantemente sulla libera scelta dei cittadini. Questo, anche in caso di vittoria, dei politici “amici” li avrebbe messi comunque in una posizione assai scomoda e nell’impossibilità di favorire in alcun modo il gruppo Berlusconi.
“Sull’accelerazione nella attuazione del progetto ebbero influenza sia il rapido deteriorarsi della politica della cosiddetta Prima Repubblica, sia il deteriorarsi anche dell’ordine pubblico, manifestatosi nella lunga serie di stragi avvenute nel 1992 e 1993. Il pericolo paventato era che questa situazione di confusione potesse portare al potere forze non democratiche (come era accaduto a Weimar) e, in particolare, che preponderante divenisse il ruolo di Rifondazione comunista.
“In questo periodo, proprio a seguito di un sondaggio effettuato da Pilo, poco prima delle elezioni comunali della fine del 1993, si evidenziava come, in ogni caso, un movimento politico che avesse raccolto i voti degli ex democristiani e socialisti, non avrebbe potuto vincere se non alleandosi con la Lega al Nord Italia e con il Movimento sociale nel Sud.
“Data proprio a questo periodo una ulteriore accelerazione e la scelta di eseguire il “Progetto Botticelli”, di cui io venni prima tenuto all’oscuro e a seguito del quale venni poi estromesso.
Il Progetto Botticelli prevedeva di trasformare alcuni dirigenti d’azienda in dirigenti del nascente partito politico. Dietro a questo progetto c’era sempre il Dell’Utri, come può anche evincersi dal fatto che tutti* i dirigenti del nuovo movimento sono stati arruolati dalle strutture di Publitalia.
“Questo progetto chiaramente confliggeva con quello originale che, come ho detto, prevedeva il coinvolgimento di forze sociali esterne alla Fininvest, la creazione di un nuovo soggetto politico con il semplice sostegno aperto da parte della Fininvest. Questo progetto
implicava chiaramente la costituzione di un soggetto politico certamente di centro, e prevedeva anche il tentativo di coinvolgere una parte della sinistra moderata (come per esempio Amato).
“Il Progetto Botticelli, invece, era decisamente sbilanciato a destra, e prevedeva il coinvolgimento sia della Lega che dei missini.
“In quest’ambito temporale si colloca anche quella che io posso definire una vera e propria “bomba” politica, e cioè l’appoggio che venne dato pubblicamente da Berlusconi a Fini per l’elezione del sindaco di Roma. Questo appoggio mi sembrò tanto più incomprensibile poiché il Berlusconi mi aveva espresso qualche mese prima il suo apprezzamento per Rutelli, che riteneva la persona giusta come sindaco di Roma.
“Io andai a parlare al Berlusconi dell’estromissione subita; il Berlusconi in quell’occasione disse di essere stato messo davanti al fatto compiuto dal Dell’Utri. Si trattava chiaramente di una finzione in quanto, per quanto la mia conoscenza relativamente alle dinamiche Interne al gruppo Berlusconi, Dell’Utri non fumai nulla di importante senza il preventivo assenso di Silvio Berlusconi.
A fronte della mia protesta Berlusconi mi chiese dunque di tornare a occuparmi del progetto, come suo consigliere personale, trovando però che al mio posto era stato collocato Domenico Mennitti, già appartenente al Movimento sociale. Credo che Mennitti fosse stato, portato dall’on. Servello, da sempre sponsor a destra della Fininvest.
“Tale fatto mi fece ancor più convincere che il progetto aveva preso una chiara connotazione di centrodestra. A questo punto mi allontanai dal progetto, pur rimanendo sempre vicino a Silvio Berlusconi, con il quale continuo a sentirmi.
“Al Progetto Botticelli diedero il proprio contributo, oltre che il Dell’Utri e il Mennitti, anche Lo Iucco, che poi divenne il primo segretario amministrativo di Forza Italia, e molte persone che poi divennero dirigenti regionali del Movimento. Un’altra persona che venne coinvolta fu Angelo Codignoni, che venne richiamato dalla Francia, in cui si era occupato de “La Cinq” e che mi risulta fosse in stretti rapporti con alcuni banchieri arabi (della Arab Bank). Il Codignoni portò in Italia anche alcuni consulenti del movimento neogollista, che si occuparono di istruire il Pilo nel settore dei sondaggi politici.
“Subito dopo il Natale del 1993 si tenne dunque una grande riunione ad Arcore, nell’ambito della quale venne formalizzata la decisione di Berlusconi di divenire egli stesso il leader del nascente movimento. Alla riunione di Arcore erano presenti, oltre a me, Letta, Mennitti, D’Onofrio (che venne ad assicurare l’appoggio di una parte del Ppi), Urbani, Doris, Dotti, Previti, Dell’Utri e Spingardi. La riunione durò tutto il giorno, e nel corso della stessa Berlusconi disse che la decisione da lui presa avrebbe comportato le sue dimissioni da qualsiasi carica Fininvest>

Dell’Utri era vicino a Ciancimino.

“Come ho già detto in altri interrogatori, ebbi modo di conoscere Dell’Utri già negli anni ’70. Anche allora il Dell’Utri era uomo di Berlusconi, ma in una posizione sottordinata e di minore responsabilità. In occasione di qualche congresso democristiano, ebbi modo di incontrare il Dell’Utri che cercava di coinvolgermi in qualche modo, pur se ci trovavamo su Posizioni Politiche diverse. In particolare, mentre io facevo parte della cosiddetta “Base” e mi collocavo quindi nella sinistra democristiana, il Dell’Utri, per come mi disse lui stesso, vicino al gruppo Ciancimino in Sicilia, persona di cui a quell’epoca mi parlò bene.
“Alla fine degli anni ’70, ricordo che Berlusconi parlandomi mi disse che era dispiaciuto del fatto che Dell’Utri fosse andato a lavorare con il Rapisarda. Il Berlusconi affrontò con me questo discorso anche perché mi propose di prendere il posto di Dell’Utri; posto che rifiutai e che poi venne preso da Fedele Confalonieri.
“Nonostante questo rammarico so dal Dell’Utri che egli continuò sempre a vedersi con il Berlusconi [anche mentre lavorava per il suo principale concorrente: Rapisarda, appunto]. Nel periodo in questione Berlusconi attraversava un momento difficile dal punto di vista finanziario, occasionato dal blocco di alcune iniziative edilizie e da alcune difficoltà con i mutui bancari. Il Dell’Utri, invece, in quel periodo sembrava “andare a gonfie vele” e nei discorsi che mi fece colsi la volontà di diventare egli stesso imprenditore e, se così posso dire, “di diventare lui stesso un Berlusconi”.
“La situazione poi ebbe una diversa evoluzione, dato che Berlusconi recuperò liquidità, soprattutto passando da iniziative nel settore dell’edilizia a iniziative nel settore televisivo. Ciò avvenne all’incirca nel 1978-79.
“Ed è proprio al 1978 che posso fare risalire i primi contatti del Dell’Utri per cercare di rientrare nel gruppo Berlusconi. Ricordo anche che successivamente trovai Dell’Utri nuovamente alle dipendenze del Berlusconi, ma in una funzione decisamente più alta, dato che era stato nominato a capo della raccolta pubblicitaria del gruppo televisivo del Berlusconi [Publitalia 80].
“Diquesto ritorno Berlusconi mi parlò quasi con fastidio, dicendomi che adesso aspettava di vedere che cosa sarebbe riuscito a fare il Dell’Utri.
“Nel periodo in cui Dell’Utri si allontanò dal Berlusconi, questi cominciò a parlarmi di pericoli di rapimenti per i suoi familiari. Ricordo che lo misi in contatto con il Dott. Allegra, allora capo dell’Ufficio Politico della Questura di Milano, che gli suggerì di incaricare della sua protezione un certo Quartarone, che ancora oggi lavora per il Berlusconi. Fu proprio il Quartarone che organizzò una squadra di protezione che prima non era presente. Preciso che io conosco il Berlusconi dal 1971 e che prima del periodo in questione non mi aveva mai espresso tale genere di preoccupazioni [ ... ].
“Ricordo che un giorno, in cui insieme al mio collaboratore Giovanni Mucci ci trovavamo con Marcello Dell’Utri in Publitalia, venne data la notizia alla televisione del suicidio del magistrato dott. Signorino [già pubblico ministero nel maxiprocesso a Cosa nostra, poi sfiorato da sospetti di collusioni mafiose].
La reazione del Dell’Utri fu inaspettata, dato il suo carattere sempre freddo e distaccato: senza dire nulla, scagliò immediatamente e con forza il telecomando contro il muro, spaccandolo. Ricordo che il rumore attirò l’attenzione della segretaria Ines Lattuada, che entrò chiedendo cosa fosse successo. Successivamente e in maniera sbrigativa Dell’Utri ci spiegò che lui conosceva Signorino e che aveva con lui un vecchio rapporto.”

——————————————————————-CoNtInUa
Riferimenti: 10 giugnio 2005 Continuo travaglio